Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Primarie Cogoleto, Pd contro Cola: “Smentisca le accuse e le gravi dichiarazioni su Basso”

Genova. Giù le mani dalle primarie. All’indomani delle non troppo velate accuse di Luigi Cola, il candidato perdente nella competizione di Cogoleto, che ha poi accusato le consultazioni di poca trasparenza e ha additato il segretario provinciale con alcuni epiteti poco lusinghieri, il Pd oggi fa quadrato intorno alla sua “creatura” e leva gli scudi contro Cola.

“Se vi è il dubbio di un possibile alterazione delle operazioni di voto esistono il Comitato per la Primaria 2011 e la Commissione elettorale – scrivono in una nota a due mani, Victor Rasetto e Simone Mazzucca, rispettivamente segretario provinciale e responsabile enti locali Pd – quelli, e non le pagine dei giornali, sono l’organismo scelto per presentare eventuali rilievi se supportati da prove concrete, altrimenti si rimane nell’ambito di dichiarazioni che hanno il solo risultato di mancare di rispetto ai tanti cittadini di Cogoleto che si sono presentati ai seggi per partecipare ad una bella prova di democrazia. Entrambi i candidati – continuano i due – hanno firmato l’impegno a riconoscere e sostenere chiunque avesse vinto e siamo certi che Luigi Cola, uomo leale e per bene, manterrà il proprio impegno”. E prooprio alla volta di Cola: Speriamo arrivi una smentita tempestiva perché, la gravità delle parole usate, per il valore della persone cui sono riferite e per il clima in cui si inseriscono, è talmente evidente che non merita alcun ulteriore commento”. Stesso tenore dai vicepresidente regionale, Giovanni Lunardon e Giulio Treccani, responsabile Enti Locali: “Dichiarazioni inaccettabili, visto che esiste un programma condiviso per Cogoleto in cui tutti, candidati, partito e coalizione, si sono riconosciuti, la vera discriminante a questo punto è: si vuole vincere o si vuole consegnare la città al centrodestra? Le primarie sono uno strumento che può avere dei limiti ma valido e soprattutto se lo si accetta prima, bisogna accettarlo anche dopo”.

L’invito alla smentita arriva anche dalla senatrice Pd, Roberta Pinotti: “Per quanto riguarda il giudizio espresso da Cola sul segretario regionale Lorenzo Basso mi aspetto venga smentito anche per la sua volgarità. Lorenzo Basso è un giovane segretario regionale che sta guidando bene il partito, con capacità e innovazione, su una linea di trasparenza. Anita Venturi è stata scelta dai cittadini, ma è bene che abbia sentito vicino il sostegno anche di una parte del Partito”.

E sulla vicenda Cola, Marta Vincenzi ha infine aggiunto il suo carico: “I ritorni al passato non suscitano mai speranze. Credo che i cittadini di quel comune abbiano voluto accogliere il nuovo, Cola ha governato per tanti anni con vigore e grande energia – ha concluso la sindaco – Credo che in politica bisogna sapere capire quando non è più il tempo giusto”.