Primarie centrosinistra a Cogoleto, a sorpresa la Venturi batte Cola - Genova 24
Politica

Primarie centrosinistra a Cogoleto, a sorpresa la Venturi batte Cola

Cogoleto. Sembravano scontati i risultati delle primarie per stabilire il candidato sindaco del centro sinistra di Cogoleto. Ma a sorpresa tutti i pronostici sono stati smentiti.

Anita Venturi, 63 anni, insegnante di matematica, ex scout e responsabile regionale dell’Agesci, già assessore alla scuola e ai servizi sociali e vice sindaco uscente, ha battuto Luigi Cola, già sindaco del comune dal 1993 al 2000.

Altissima l’affluenza alle urne: 1583 votanti, ovvero il 23% degli aventi diritto della città di Cogoleto hanno votato nel seggio allestito a Pratozanino fino alle 12.00 di questa mattina, e in quelli di Cogoleto centro e nelle frazioni di Lerca e Sciarbonasca fino alle ore 21.00.

Il risultato parla da solo: Luigi Cola 41,6%, Anita Venturi 58,4%.

Un verdetto che sorprende, proprio perchè lo storico sindaco del comune del ponente genovese, che negli anni 90 aveva rilanciato un paese quasi destinato a non liberarsi dal marchio indelebile del cromo Stoppani, sembrava favorito.
La Venturi, vistosamente commossa dopo la vittoria, ha commentato l’esito delle urne che l’hanno vista trionfare 925 a 658: “Credo che tutto il lavoro che abbiamo fatto abbia sollecitato la gente di Cogoleto a venire alla urne. Sono sicura che la gente abbia voglia di cambiare  – ha commentato a caldo la neo candidata a sindaco – .
“Pensavo ad un testa a testa fino in fondo, probabilmente lo è stato, ma non mi aspettavo una vittoria così chiara. Purtroppo a differenza del Pdl che combatterà unita, la sinistra si presenterà con più schieramenti. Ma ora voglio godermi questo momento – ha concluso la Venturi –  Ringrazio tutti coloro che mi hanno votato e spero di meritarmi questa responsabilità che mi è stata data e di andare avanti”.
Ma, mentre tra i vincitori si parla di “voglia di cambiare da parte dei cittadini”, chi è stato appena sconfitto lascia qualche commento non proprio felice. Nei corridoi c’è chi vocifera e chi parla di complotto. Un’affluenza alta, per alcuni militanti in attesa dell’esito delle primarie “troppo alta” e c’è chi pensa che alle alle urne si sia presentato anche qualche elettore esterno alla coalizione. Qualcuno del PdL o di Sel con il chiaro obiettivo di eliminare Cola dalla corsa.