Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Liguria, sciopero trasporto pubblico e ferroviario: a piedi per 48 ore

Genova. Blocco totale e nazionale del trasporto pubblico extraurbano oggi e urbano e ferroviario domani. L’Italia per 48 ore a piedi, anche se verranno garantite le fasce orarie del mattino e della sera.

A Genova oggi si ferma Atp, l’azienda trasporto pubblico provinciale, Filt Cgil, Fit-Cisl, Uiltrasporti, Faisa Cisal e UGL Trasporti fanno sapere che non sono previste manifestazioni, visto che il problema è nazionale e in questo caso Atp segue cioè che deciderà Asstra, l’associazione trasporti nazionali, che rappresenta in Italia il 95% del trasporto pubblico locale ed il 75% di quello extraurbano e regionale nonché le ferrovie regionali esclusa Trenitalia.

“Non ci sono le condizioni minime che consentano la conclusione della trattativa per il rinnovo del contratto degli autoferrotranvieri. – spiega Marcello Panettoni, presidente di Asstra in un comunicato – La maggioranza delle regioni non ha infatti trasferito alle aziende di trasporto pubblico locale ASSTRA ed ANAV i fondi assegnati dallo Stato per la copertura del contratto di lavoro della categoria relativi agli anni 2008-2009-2010. A questo buco, si è aggiunto il fatto che molte regioni, nonostante il recente e consistente recupero dei tagli inizialmente disposti dal governo, hanno comunque mantenuto nei loro bilanci le riduzioni di risorse per il Trasporto Pubblico Locale superiori all’8% con punte fino al 30%. Il sindacato non può ignorare che in questa situazione sono fortemente a rischio il mantenimento dei servizi di trasporto offerti ai cittadini e, di conseguenza, il posto di lavoro per gli oltre 116.000 autoferrotranvieri”.

Atp fa sapere che per la giornata di oggi sono garantite solo le fasce dalle ore 6 alle ore 9 e dalle ore 17 alle ore 20. “Ad ora non possiamo ancora dire in che percentuale si aderirà allo sciopero – dice Filippo Gioiele, Uiltrasporti – perche le rimesse sono sparse in tutta la provincia di Genova, ma generalmente si supera sempre l’80%”.