La Pro Recco alza la Coppa Italia, Tempesti miglior giocatore italiano - Genova 24
Sport

La Pro Recco alza la Coppa Italia, Tempesti miglior giocatore italiano

ferla pro recco coppa italia

Pallanuoto. La Ferla Pro Recco vince la 7° Coppa Italia contro il Lake Iseo Brixia. Una trasferta in quel di Brescia che ha portato la squadra durante la mattinata a distrarsi tra le bellezze cittadine e di pomeriggio a dare il meglio in vasca.

Anche in occasione della presentazione la Pro Recco si schiera indossando la maglietta con la scritta “vergogna” dedicata ad Ea Mangiante.

Partiti. Palla alla Pro Recco che gioca praticamente subito uomo in più, rete di Zlokovic. Due parate di Tempesti quasi a uno contro zero, il capitano della Nazionale c’è. Vale la regola dell’ex: Gitto sul palo in superiorità numerica, 2-0.

Secondo tempo. Palla alla Pro Recco. Ancora Tempesti su una semi rovesciata di Calcaterra e poi su un tiro da fuori, serata particolarmente affascinante. Lapenna conquista un rigore e Kacic para la trasformazione di Ivovic. Poi Mammarella in superiorità, ma ancora Gitto in superiorità 3-1. Quarto gol per la Pro Recco, segna Ivovic 4-1 quando mancano 43 secondi e quasi in chiusura Elez e la sua colomba 4-2.

Cambio campo. Palla alla Pro Recco, il Brescia non ci prova neppure. Tabellino fermo per tre minuti, poi la rete di Calcaterra velocissimo a sfruttare l’espulsione a favore 4-3. Pareggio per il Brescia, Elez 4-4. Espulsione definitiva di Binchi per tre falli. Gitto ancora in gol 5-4, pareggio di Calcaterra. A pochi secondi dal termine rigore a favore della Pro Recco, se ne incarica il capitano Bendek, palla all’incrocio dei pali. Parità, 5-5.

Quarto tempo. Palla alla Pro Recco, questa volta gli avversari ci provano. La rete di Felugo 6-5. Superiorità importante ma fallita dal Brescia. Rigore per la Pro Recco forse perché Kacic spruzza l’acqua sul volto dell’attaccante in controfuga, trasforma Figlioli 6-4. Ancora la calottina numero 8 per l’8-5. Rigore per il Brescia, espulsione definitiva per tre falli di Gitto, Tempesti para un rigore a Fresia. Ancora Figlioli, potente, come sempre, imparabile 9-5. Segna Presciutti e chiude Mammarella 9-7.

Per la sesta volta consecutiva la Pro Recco alza la Coppa Italia al cielo, mentre Stefano Tempesti viene proclamato il miglior giocatore italiano e Marko Elez, del Lake Iseo Brixia,miglior giocatore straniero.

“Non bisogna mai abituarsi alle vittorie e per me è sempre una gioia unica, – afferma Pino Porzio, allenatore della Pro Recco a fine partita – penso ai sacrifici che si fanno tutti i giorni per questo cerco di gustarmi ogni attimo, sono momenti unici che nella vita non tornano tanto facilmente. Il dato più importante è che contro una squadra forte abbiamo sofferto”.

“Il momento più difficile quando abbiamo sbagliato il secondo rigore consecutivo poi abbiamo preso alcuni gol e non riuscivamo a trovare il bandolo della matassa. Nel quarto tempo, poi, con grande autorevolezza e presenza fisica siamo venuti fuori in maniera dirompente: abbiamo piazzato un 4-0, solo le grandi squadre sanno fare questo. Per noi comunque né una tappa di passaggio, stiamo lavorando per il futuro, dobbiamo essere in grado di giocare in qualsiasi situazione, magari sovraccarichi, l’obiettivo è più avanti. So anche che la squadra non è al massimo però abbiamo avuto una tenuta fisica straordinaria. La dedica? E’ più che ovvio, a Mangiante. Andrea è uno di noi, è un ragazzo serio eccezionale, un grande professionista,e rimarrà sempre uno di noi, per questo gli dedichiamo la Coppa”.