Quantcast
Cronaca

Genova, Subsonica: “per imparare ad affrontare il tempo” (foto)

Genova. Sabato pomeriggio di pioggia. Piccolo spazio sovraffollato, soprattutto da giovanissime, nel piano interrato della FNAC. L’attesa, trepidante si dice in questi casi, è per la band torinese dei Subsonica, a Genova per presentare il loro ultimo lavoro “Eden” uscito negli store l’8 marzo. Album suona nella loro attesa, e nell’era di I-Tunes e del download non stupisce che già tutti conoscano a memoria i pezzi.

I Subsonica arrivano intorno alle 16:10, trafelati quanto basta da ricordare di essere una band che vive di musica, per la quale una atteggiamento troppo ordinario stonerebbe. Arrivano accolti ovviamente da qualche urletto, molti applausi e un mare di flash.
La formazione non è al completo, manca Max Casacci, chitarrista e leader riconosciuto della band. Il Ninja, il batterista, ha spiegato subito il perché:”E a casa ad allattare … talvolta fa anche di queste cose futili”. Come dice Eden, il singolo che apre l’album, i Subsonica, forse con fatica, ma sicuramente stanno imparando ad affrontare il tempo.

Insomma, il tempo passa e cambia le cose, per tutti, anche per i componenti di quella band che quindici anni fa rivoluzionò la musica italiana, cercando di proporre sì musica elettronica “ma facendola con gli strumenti”, sottolinea con una leggere punta di orgoglio il tastierista Boosta.

Arrivano trafelati quanto basta, si diceva, ma con una certa calma e sicurezza, la sicurezza di una band matura che ha davvero ben poco da dimostrare. Il cerimoniere dell’incontro è Renato Tortarolo, che stuzzica la band con spunti di riflessioni, talvolta un po’ troppo importanti, tanto da stonare. Si arriva a parlare di giovani, di prospettive e democrazia. Forse un po’ troppo per una presentazione di un album. Un album che si fa apprezzare per la bellezza dei testi, l’accuratezza degli arrangiamenti (come stupirsi?) e soprattutto per la varietà dei suoi brani “Che sono nati da spunti diversi e momenti diversi, e anche da cose diverse che ci sono accadute”.

Finisce l’intervista e parte la ressa a caccia dell’autografo. L’appuntamento è rimandato al 2 aprile giorno nel loro concerto live a Genova. Ci sarà poco da aspettare questa volta, per fortuna.