Quantcast
Cronaca

Genova, ordine dei medici su rifiuto cure mediche: “Decisioni di un paziente cosciente vanno rispettate”

Genova. Sulla vicenda che vede una figlia, Maria Tronti, denunciare alla magistratura la madre, Annunziata Iannicelli, che non si vuole sottoporre alle cure mediche perchè testimone di Geova interviene l’Ordine dei Medici.

Il presidente Amedeo Bianco fa sapere che le decisioni prese da un paziente cosciente devono essere rispettate. “E’ indiscutibile che allo stato dei fatti, della giurisprudenza e anche dell’articolo 32 della Costituzione – spiega Bianco – nessuno può essere sottoposto a un trattamento sanitario contro la sua volontà, tranne nel caso di un soggetto con malattia mentale, non curabile altrimenti e per tutela sua salute e di quella pubblica”.

In questo caso, però, “questa donna è capace di intendere e volere ed è consapevole della necessità del trattamento – continua – Quindi o l’autorità giudiziaria procede a una sorta di sua interdizione, cosa che credo impossibile in questo caso, oppure credo, ragionevolmente, che non si possa superare la volontà della donna, informata e consapevole”.

“Il giudice che si vedesse arrivare la richiesta della figlia di imporre una cura alla madre perché incapace di intendere e volere – spiega Amedeo Santuosso, giurista – dovrebbe parlare con la paziente, o inviare un medico, per accertare effettivamente se questa sia capace o meno. Ma se i medici hanno già verificato, magari tramite uno psichiatra come spesso accade in questi casi, che la donna è perfettamente capace di intendere e volere, e accettato la sua volontà, allora non rimane altro da fare che rispettare la scelta di questa donna”.

Potrebbe, quindi, essere un buco nell’acqua per Maria Tronti.

Più informazioni