Quantcast
Politica

Genova, Nan (Fli): “Alternativi alla sinistra, il nostro scopo è unire gli elettori moderati”

Genova. Futuro e Libertà, il movimento politico che fa capo a Gianfranco Fini, si presenta alle prossime amministrative di primavera con lo scopo di “unire gli elettori moderati” e si definisce come un partito di centrodestra, legalitario e liberale, dalla parte della gente e soprattutto alternativo alla sinistra.

Ad affermarlo è il coordinatore ligure del partito, Enrico Nan, che in una nota presenta il nuovo organigramma di Futuro e Libertà in Liguria in vista dei prossimi appuntamenti congressuali. Al vertice del partito, con l’incarico di coordinatore regionale, è confermato Enrico Nan, deputato per quattro legislature.

Due i vice coordinatori regionali, Giuseppe Murolo, con il ruolo di vicario e la delega agli enti locali, e Rosella Oddone Olivari. Responsabile regionale dell’organizzazione è Michele Forino, responsabile delle pari opportunità è Vittoria Musso, responsabile alle adesioni è Gian Genta, responsabile ai dipartimenti è Renzo Dameri, responsabile regionale giovani è Fabio Cardano, mentre la tesoreria regionale è affidata a Giuseppe Lepore.

Del direttivo regionale fa parte anche Giuseppe Castellaneta. Decisi anche i ruoli relativi ai coordinamenti provinciali. Per Genova è Rosella Oddone Olivari, che somma così questo incarico a quello di vice coordinatrice regionale. Per Imperia Giuseppe Fossati, per Savona Filippo Marino e per La Spezia Gianfranco Borrini. I quattro fiduciari cittadini per i capoluoghi di provincia sono: Gianfranco Gadolla per Genova, Roberto Rondelli per Imperia, Giuseppe Lepore per Savona, Massimiliano Logli per La Spezia.