Quantcast
Altre news

Genova, in difesa della cultura un lungo girotondo ha abbracciato Palazzo Reale

Genova. Una catena umana ha abbracciato con un lungo girotondo la facciata del Palazzo su Via Balbi e nell’atrio è stato srotolato uno striscione con la scritta “La vera terra dei barbari non è quella che non ha mai conosciuto l’arte, ma quella che, disseminata di capolavori, non sa né apprezzarli né conservarli’ (Marcel Proust)“.

Questo è avvenuto stamattina durante la manifestazione “Abbracciamo la cultura”,organizzata da Camera del Lavoro di Genova e Arci insieme a Aib, Auser, Legambiente, Uil Bac. Una coalizione che vuole dare vita a un impegno diffuso per una forte “assunzione di responsabilità” da parte della collettività affinché venga definito un quadro trasparente di regole e di risorse certe, di lungo respiro, che dia priorità alla “cura” del patrimonio culturale italiano e non a pochi eventi spettacolari e interventi emergenziali.

“E’ necessaria una mobilitazione e una pressione pubblica che, a partire dalla discussione sulla ‘Legge di stabilità’, sia in grado di costruire iniziative territoriali che coinvolgano le organizzazioni sindacali e imprenditoriali, il mondo del credito e della finanza, le professioni, l’associazionismo diffuso, le istituzioni di ogni ordine e livello con i seguenti obiettivi – spiegano – per una politica condivisa dei Beni Culturali che ne affermi la priorità nello sviluppo economico e culturale del paese; per garantire una gestione trasparente e partecipata dei Beni culturali; per affermare il valore della tutela dei Beni Culturali, basata sulla conservazione preventiva e contrastare la prassi dell’emergenza; per dare dignità al lavoro di tutti gli operatori del settore attraverso il riconoscimento legislativo, contrattuale e professionale; per dare trasparenza alle procedure di spesa nei Beni Culturali a partire dagli appalti di lavori servizi e forniture, escludendo le gare al massimo ribasso ed esercitando un forte controllo sulla sicurezza degli operatori; per garantire la qualificazione delle imprese che intervengono sul patrimonio culturale, fondata anche su adeguati requisiti di natura professionale; per rilanciare il ruolo del Ministero per i Beni e le Attività Culturali; per abolire la tassa di 1 euro sul biglietto del cinema”.

Più informazioni