Genova, Federfarma: “In farmacia informazioni su radioattività, Italia non a rischio” - Genova 24
Cronaca

Genova, Federfarma: “In farmacia informazioni su radioattività, Italia non a rischio”

farmacia

Genova. “In molti ci chiedono farmaci a base di ioduro di potassio che inibiscono la ghiandola tiroide all’assunzione di iodio radioattivo. L’assunzione di questi farmaci deve iniziare quando c’è una precisa raccomandazione di sanità pubblica. Non è il caso dell’Italia”. Il presidente di Federfarma Genova Giuseppe Castello interviene nel dibattito sul presunto pericolo nucleare e sui conseguenti allarmi che si sono diffusi anche in Italia. Le farmacie di Genova diventano presidio sul territorio per una corretta informazione sul pericolo radioattività dopo il terremoto che ha colpito il Giappone l’11 marzo scorso.

“Occorre evitare inutili allarmismi. Il ministero della Salute considera l’Italia un Paese non a rischio – ha sottolineato Castello – Solo chi è stato in un raggio di inferiore ad ottanta chilometri dalla centrale di Fukushima può essere stato esposto a radiazioni. In questo caso al rientro in Italia non avranno bisogno di alcuno screening ma, se lo vorranno, potranno rivolgersi a specifici centri di riferimento. A Genova è l’ospedale Galliera. Lì potranno chiedere la valutazione strumentale dell’eventuale esposizione, previa ‘appropriata raccolta di informazioni anamnestiche’. I nostri associati – conclude il presidente Castello – sono ora pronti a spiegare la reale entità del pericolo radiazioni e gli eventuali rimedi”

Il consiglio direttivo di Federfarma Genova ha divulgato a tutti i 296 consociati della provincia di Genova una circolare in cui sono delineate le regole da seguire per conoscere, evitare ed eventualmente prevenire eventuali contaminazioni conseguenti all’esposizione a radioattività.

I consigli, fatti propri dai farmacisti e tracciati sulla scorta delle informazioni diffuse dal ministero della Sanità, saranno dati a tutti coloro che si presenteranno al banco con dubbi o paure conseguenti al disastro in atto alla centrale nucleare di Fukushima.