Quantcast
Cronaca

Genova, crollo via Prè: tre funzionari comunali rischiano due anni e mezzo di carcere

Genova. L’accusa è di crollo colposo per non aver messo in sicurezza l’immobile di via Prè, disabitato da tempo ma i cui solai dei piani alti sono crollati il 2 novembre 2007, causando l’evacuazione di 30 famiglie che abitavano nei palazzi di fronte. Nel processo a carico di sette imputati, tra cui tre funzionari comunali, il pm Giovanni Arena ha chiesto due anni e mezzo per cinque di loro e un anno e dieci mesi per gli altri due.

La pena più alta è stata chiesta per Fabio Bianchi, amministratore della società immobiliare proprietaria degli ultimi due piani dello stabile, per Giovanni Giudice, titolare di una società proprietaria di una parte di un appartamento del terzo piano, e per i funzionari comunali Roberto Tedeschi, Cristina Cassottana e Roberto Valcalda. Un anno e 10 mesi è stato invece chiesto per un architetto del Comune, Annita Farini, e per Sandrino Bazzurro, addetto alla pubblica incolumità.