Quantcast

Genova, “Cellule staminali: certezze, possibilità, speranze”

Genova. Domani, dalle 16 in poi presso l’aula 3-4 del Polo Saiwa della Facoltà di Medicina e Chirurgia di Genova (Corso Gastaldi 161), si terrà l’incontro dal titolo “Cellule staminali: certezze, possibilità, speranze”, organizzato dalla sede locale di Genova del Sism – Segretariato Italiano Studenti Medicina, in collaborazione con l’Admo Liguria – Associazione Donatori Midollo Osseo.

Si inizierà con Nadia Benahmidou, studentessa del Liceo Scientifico “E. Amaldi” (Novi Ligure), che leggerà, interpretandole, due lettere scritte da trapiantati di midollo osseo. A seguire, i saluti di Paolo Strada (responsabile del Centro Trasfusionale dell’Ospedale San Martino di Genova) e di Giorgio Zara, presidente di Admo Liguria.

Poi si passerà agli interventi: “Il concetto di staminalità” con Alberto Marmont du Haut Champ, primario emerito di Ematologia al San Martino; “Il trapianto delle staminali emopoietiche” con Andrea Bacigalupo, primario di Ematologia al San Martino; “Nuove prospettive e cordone ombelicale” con Francesco Frassoni, direttore del Centro Cellule Staminali al San Martino; “Il registro italiano” con Nicoletta Sacchi, direttore dell’IBDMR presso l’ospedale Galliera di Genova.

Sono previste anche le testimonianze di Gisella Motto, Raffaella Foglia e Pino Tosi. In parallelo alla conferenza, sarà presente un centro prelievi per chi volesse diventare donatore di midollo osseo. Sarà possibile richiedere tutte le informazioni del caso. Il centro prelievi sarà gestito da medici dell’IBDMR e dal dottor Paolo Strada. “Per noi di Admo – sostiene Giorgio Zara – sono molto importanti questi appuntamenti, perché ci consentono di parlare della nostra attività e di come avviene la donazione di midollo osseo. Siamo felici, inoltre, di parlare a futuri medici che, una volta in attività, potranno ulteriormente ampliare il quadro. È importantissimo formare le nuove generazioni alla cultura della donazione”.