Quantcast

Genova, accordo Nikon-Iit: super microscopi ottici per studiare malattie degenerative

Genova. Il presidente europeo del colosso giapponese Nikon Instruments, Sumio Eimori, è a Genova per siglare un accordo con il direttore scientifico dell’Iit Roberto Cingolani e con il direttore dell’Unità di Nanofisica, Alberto Diaspro per una collaborazione in un programma di ricerca nel campo della microscopia ottica a super risoluzione.

Obiettivo: portare i microscopi ottici a un livello di risoluzione il più possibile vicino a quello degli apparecchi elettronici, allo scopo, tra gli altri, di arrivare a studiare l’attività molecolare direttamente sugli esservi viventi. I primi due anni serviranno per migliorare i microscopi, i tre successivi per l’applicazione sull’uomo. Ciò consentirà di studiare e comprendere malattie degenerative e processi di tossicità ad alta incidenza, come Alzheimer e Parkinson, osservando i processi di comunicazione delle cellule e gli effetti dei farmaci a livello molecolare. Nikon fornirà all’IIt apparecchi di ultima generazione, del valore complessivo di 1 milione di euro, e i ricercatori impegnati a Genova “li useranno – ha detto Diaspro – per sviluppare nuovi metodi di nanoscopia ottica”.

Il presidente di Nikon Instruments Eimori ha sottolineato che “il nostro obiettivo è di sviluppare prodotti innovativi e per farlo dobbiamo interfacciarci e discuterne con i ricercatori. L’ IIt è il partner ideale in Italia per la elevata eccellenza della sua ricerca”. Il direttore Roberto Cingolani ha evidenziato come il progetto “coniughi interessi di ricerca fondamentale e applicata in un settore scientifico altamente competitivo a livello internazionale”.

Più informazioni