Quantcast

Fusione Ist-San Martino, Pdl: “Burlando e Montaldo fanno i ‘furbetti’ della Sanità”

Regione. “Sull’accorpamento Ist-San Martino, Burlando e Montaldo stanno facendo i ‘furbetti’ ed avanzano, zitti zitti, senza autorizzazione da parte del Ministero della Salute, allo smembramento delle due aziende sanitarie”. Lo fanno sapere i consiglieri regionali del Pdl Matteo Rosso, Luigi Morgillo e Roberto Bagnasco, che hanno trovato una delibera del 25 febbraio, la numero 204, che stabilisce di procedere alla fusione delle attività chirurgiche e alla riorganizzazione delle attività patologiche.

“In sintesi – spiegano i tre esponenti del Pdl – la Giunta regionale ha deciso oltre che dislocare la chirurgia toracica e la radiologia dell’Ist presso il san Martino, ha preventivato anche di procede all’accorpamento delle chirurgia plastiche ricostruttive,universitarie dell’Ist e ospedale San Martino e voci attendibili che circolano parlano anche di un traslocodell’Urologia, dello stesso istituto di ricerca al San Martino”.

Un fatto grave secondo i consiglieri regionali del Pdl che sulla vicenda annunciano la presentazione di un interrogazione urgente in Regione. Il Capogruppo del Pdl sottolinea che “In questo modo si rischia di buttare all’aria tutto il lavoro fatto in questi mesi, anche quello relativo ai finanziamenti nazionali. Gli accordi prevedevano che si dovesse attendere il riconoscimento del Ministero senza il quale qualsiasi decisione espone le due aziende sanitarie ad un forte pericolo. La proposta di riorganizzazione – precisa infatti il Capogruppo del Pdl – doveva passare da una commissione che era preposta ad inviare al Ministero il documento necessario per costituire il centro regionale Ist- S. Martino”.

Secondo Morgillo si tratta del solito modo di procedere della Giunta regionale “Una brutta abitudine della Sinistra – dice il Vice Presidente del Consiglio Regionale – quando sono impiccati vengono a piangere e parlano di collaborazione per il bene della Liguria. Ma quando cominciano a respirare si fanno come sempre i fatti loro”.

Anche il Vice Presidente della Commissione Salute si dice seriamente preoccupato rispetto a questa presa di mano da parte della Giunta regionale “ un modo di comportarsi del tutto scorretto – ribadisce l’esponente del Pdl – che non fa certo il bene della Sanità della nostra regione ma semmai, come sempre, persegue gli interessi di questa Maggioranza che di lavorare in armonia e collaborazione non né vuole sentire. Ed i fatti, purtroppo, per l’ennesima volta confermano questo”.

In conclusione secondo Rosso, Morgillo e Bagnasco ancora una volta Burlando e Montaldo stanno facendo i furbi “intollerabile questo atteggiamento. Chiediamo l’immediato ritiro della delibera”.