Quantcast

Festival della Scienza 2011, l’appello ai genovesi: “C’è crisi sostenete la manifestazione”

Genova. Da Antonio Meucci a Guglielmo Marconi. Da Enrico Fermi a Rita Levi Montalcini.  La scienza ha sempre contraddistinto l’Italia come un Paese di eccellenze. Proprio queste menti hanno contribuito a traghettare lo Stivale nella modernità, nel mondo, e a fargli scoprire un nuovo orgoglio: l’estro “made in Italy”. Sarà dedicata proprio a questo la nona  edizione del Festival della Scienza di Genova, 150 anni di genio italiano. Una rappresentazione per coinvolgere sempre di più Genova nel senso di nazionalismo. Ma, occorre una mano. I Genovesi sono chiamati ancora una volta ad un sostegno attivo. Per l’occasione è stato infatti lanciato un appello per “adottare il Festival”. Un’opportunità offerta ai cittadini, sponsor e associazioni di finanziare con donazioni la kermesse e diventare protagonisti di una crescita in vista del futuro. In tempo di crisi, la cinta si stringe, ma la volontà di portare avanti i grandi progetti resta.

“Genova si potrà sentire ancora più partecipe di una manifestazione che è davvero patrimonio di tutti – spiega Manuela Arata, presidente del Festival della Scienza –  Per questo invitiamo cittadini, privati e aziende ad una partnership, un contributo per sostenere un evento che è l’orgoglio della città nel mondo. È un’occasione per chiamare a raccolta tutti quelli che amano il festival perché, come sappiamo, questo è un momento difficile e abbiamo bisogno anche di sostegno economico”.

Esistono diversi modi per sostenere il festival, con donazioni da 50 a 5.000 euro, che garantiscono vantaggi come: l’iscrizione nell’elenco dei sostenitori, la possibilità di adottare un evento o di essere inseriti in una tagcloud sul sito internet www.festivalscienza.it.

Per partecipare visita il sito e dona tramite PayPal, oppure effettua un versamento sul C/C dell’Associazione Festival della Scienza

IBAN IT14J0100501400000000033574