Politica

Celebrazioni Unità Italia, Gioia: “Polemiche strumentali, nessuno sperpero economico”

provincia genova

Genova. Alfonso Gioia Presidente del Consiglio Provinciale,in merito alle polemiche che hanno interessato la presenza del Professore Gibelli,in occasione delle celebrazioni per i 150 anni dell’unità d’Italia di martedì prossimo ha dichiarato: “Ringrazio il Prof Antonio Gibelli che ha accettato senza alcun onere l’invito di tenere una Lectio Magistralis nell’ambito del consiglio Congiunto Comune Provincia di Genova e Regione Liguria fissato per martedì 15 marzo. Pertanto desidero spegnere immediatamente ogni polemica di carattere strumentale volte a richiamare sperperi economici. Nell’esprimere la mia sincera ammirazione per il professore Gibelli uno dei più stimati storici nel panorama nazionale,invito tutte le forze politiche a stemperare i toni e a non intraprendere atteggiamenti non idonei a questa cerimonia. La celebrazione del 150° deve essere un momento di altissima responsabilità soprattutto in un momento così difficile che il paese sta attraversando”.

Le parole del Capo dello Stato di richiamo ad una pacificazione nazionale siano il punto di riferimento per intraprendere un nuovo percorso: “Prendendo ad esempio l’intelligenza,il sacrificio,il sogno di quelle donne e di quegli uomini che 150 anni fa si adoperarono per raggiungere l’unità nazionale e garantire un futuro alle nuove generazioni”.
Il Presidente Gioia concludendo ha aggiunto: “Sono sicuro che il professore Gibelli presenterà una lezione di alto profilo storico,e che l’espressioni usate in una sua recente pubblicazione rimarranno contestuali a quell’analisi”.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.