Quantcast
Sport

Basket, B d’Eccellenza: l’Autorighi convince, la NBA spreca

Lavagna. Il pesante ko interno subito all’andata è stato vendicato. L’Autorighi Lavagna è andata a vincere a Savona, rafforzando il proprio terzo posto che potrà diventare certo in caso di vittoria con Moncalieri. Le biancoblu ora dovranno sfruttare gli ultimi quattro turni per tenere ben oliati gli schemi e farsi trovare pronte quando arriverà il momento dei playoff.

A Savona la squadra condotta da Massimiliano De Santis ha dato fin dai primi minuti l’impressione di avere una marcia in più rispetto alle locali. La partita, però, è rimasta in equilibrio per due quarti e poco più. Le lavagnesi sono riuscite a scrollarsi di dosso le avversarie solamente nel terzo tempo, chiuso avanti di 8 lunghezze. Nella terza frazione di gioco la Cestistica ha mollato la presa e la Polyport ha controllato agevolmente l’incontro, concedendo alle locali la miseria di 8 punti e allungando fino al + 13 di fine partita.

Il tabellino:
Gelfresco Savona – Autorighi Lavagna 42 – 55
(Parziali: 11 – 14, 25 – 26, 34 – 42)
Gelfresco Savona: Casto 2, Iannuzzi, Marchetti, Alfonso 11, Cirminna 8, Grillo 3, Besagni, Ariu, Scrignar 13, Debenedetti. All. Pollari.
Autorighi Lavagna: Annigoni 5, Carbone, Morselli 9, Fantoni 4, Fortunato 9, Gaiaschi, Russo 4, Principi 11, Zampieri 9, Gazzolo ne. All. De Santis – Daneri.
Arbitri: Andrea Capponi (La Spezia) e Dario Galvagno (San Maurizio Canavese).

Ennesima occasione sprecata, in questo campionato, dall’NBA-Zena, al termine di una partita con andamento tipo elettrocardiogramma impazzito. Dopo il buon inizio (1 – 6 al 3°, 10 – 13 al 9°) le genovesi smettono di giocare. Canepa già al 13° raggiunge il terzo fallo e le padrone di casa piazzano, in dieci minuti, un pesante 21 a 2 (31 – 15 al 19°).

Nessuno in quel momento avrebbe scommesso un centesimo sulle ragazze di coach Vignati che però non si perdono d’animo e, dopo l’intervallo lungo, rientrano finalmente in partita. Un primo controbreak (32 – 37 al 27°) viene rintuzzato da una tripla di Ferraris e dalla solita Piccionne ed il terzo periodo si chiude sul 44 – 34. In soli due minuti, però, grazie a due bombe di Scozzari e di Erinna Marciano, le ospiti colmano lo scarto ed è una tripla di Turra, al 33°, a portare avanti le genovesi.

Qui improvvisamente viene a mancare il pizzico di lucidità necessaria a chiudere il match. Per ben tre minuti (sei possessi a testa) il risultato non si modifica. E’ ancora Ferraris, al 36°, a riportare avanti di un punto Moncalieri, con replica immediata di Canepa (48 – 49 al 38°). Negli ultimi cento secondi si decide il match. Valguarnera riporta in vantaggio le locali, l’NBA-Zena spreca dalla lunetta (0 su 4 in venti secondi) e ci aggiunge tre banali palle perse, senza pressione avversaria.

Come all’andata è la chirurgica Piccione a chiudere il match, con una tripla che dà il 53 – 49. Dalisia Marciano, dalla lunetta, riporta a – 2 la sua squadra quando mancano 31″. Porceddu sempre dalla lunetta fissa il punteggio finale (54 – 51) e, negli ultimi 9 secondi, l’NBA-Zena (che nel frattempo aveva perso per falli Scozzari) non riesce a costruire il tiro per provare a raggiungere i supplementari.

“E’ proprio un peccato – commenta lo sconsolato presidente Carlo Besana – ma non è accettabile che in partite così importanti la nostra squadra debba avere questi cali di concentrazione. Nel secondo periodo, interamente concesso alle avversarie, abbiamo realizzato due soli punti in nove minuti. Ed ancora, nell’ultimo periodo, dopo aver messo a segno un’entusiasmante recupero, altro blackout che non ci ha consentito di chiudere la partita, con errori più imputabili a nostre manchevolezze che non ad un’asfissiante difesa delle avversarie. Questo senza nulla togliere alle ragazze di Moncalieri, ci mancherebbe, ma questa partita sembra l’esatta fotocopia della partita di andata, quando recuperammo 12 punti sciupando tutto nel finale. Sono errori che si ripetono e, vista la situazione di classifica, potrebbero rivelarsi fatali”.

Il tabellino:
Azzurra Moncalieri – New Basket A-Zena Genova 54 – 51
(Parziali: 14 – 13, 31 – 17, 48 – 35)
Azzurra Moncalieri: Cresto Dina 2, Bianco 2, Piccionne 19, Morello, Thompson, Battista ne, Ferraris 10, Valguarnera 8, Porceddu 1, Salvini 12. All. Cardile.
New Basket A-Zena Genova: Turra 3, Toncinich ne, Lanari ne, Canepa 17, Bracco 2, Scozzari 5, Flandi 9, E. Marciano 9, Giorato ne, D. Marciano 6. All. Vignati.
Arbitri: Davide Zuccarello (Arcisate) e Matteo Bruno Calveri (Varese).

I risultati del 18° turno:
Gelfresco Savona – Autorighi Lavagna 42 – 55
Azzurra Moncalieri – New Basket A-Zena Genova 54 – 51
Starlight Valmadrera – Conad Lauretana Biella 38 – 45
Basket Team Cantù – B&P Costa Masnaga 67 – 63
Stars Novara – Sabiana Vittuone 52 – 44
ha riposato: Pallacanestro Torino

In classifica la New Basket A-Zena resta davanti a Vittuone:
1° Conad Lauretana Biella 30
2° Starlight Valmadrera 28
3° Autorighi Lavagna 22
4° Azzurra Moncalieri 18
5° B&P Costa Masnaga 16
6° Gelfresco Savona 14
6° Stars Novara 14
8° Pallacanestro Torino 12
8° Basket Team Cantù 12
10° New Basket A-Zena Genova 8
11° Sabiana Vittuone 6
Conad Lauretana Biella, Starlight Valmadrera, New Basket A-Zena Genova e Sabiana Vittuone hanno giocato una partita in più.

Sabato 5 marzo alle ore 20,30 l’Autorighi Lavagna riceverà l’Azzurra Moncalieri. Turno di riposo per la New Basket A-Zena.