Politica

Unità d’Italia, Grillo (Pdl): “Quello di Mameli sia l’inno per legge”

Luigi Grillo, senatore Pdl

Genova. Il senatore del Pdl Luigi Grillo, ieri,  durante la festa cittadina del partito per i 150 anni dell’unità d’Italia a Genova Quarto ha richiesto che l’inno di Mameli diventi per legge quello nazionale della repubblica italiana prima del 17 marzo, festa dell’unità d’Italia.

“Da diversi mesi mi sto battendo in parlamento per far sì che l’inno di Mameli sia consacrato come l’inno nazionale nella legislazione italiana – ha detto Grillo – sta scritto nella nostra Costituzione che la bandiera della repubblica italiana è il tricolore, ma l’inno di Mameli diventò l’inno d’Italia perché nella prima riunione del consiglio dei ministri dopo la nascita della repubblica dovendo omaggiare dei caduti della guerra, il consiglio dei ministri disse: ma che inno suoniamo?.

Il ministro della Difesa disse: suoniamo l’inno di Mameli – ha continuato – ma non è mai diventato legge dello Stato italiano, non c’é nessuna delibera di nessun consiglio dei ministri che lo afferma, è una consuetudine, che deve diventare presto una norma di legge, in senato ci sono 125 parlamentari che hanno già firmato per farlo diventare l’inno della repubblica italiana, Goffredo Mameli era genovese, la famiglia Mameli ogni settimana mi telefona per chiedermi a che punto siamo? Io vorrei prima del 17 marzo che diventasse legge questo provvedimento che è presso la commissione Affari Costituzionali del senato”.

Più informazioni

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.