Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Uil Liguria, “Basta sprechi”: nasce l’osservatorio sui costi della politica

Liguria. “Basta sprechi: riduciamo i costi della politica”. L’iniziativa organizzata oggi dalla UIL FPL della Liguria e dalla UIL regionale, ha visto la partecipazione di Giovanni Torluccio, Segretario Generale UIL FPL, Michelangelo Librandi, Segretario Nazionale UIL FPL, Pier Angelo Massa, Segretario Generale della UIL di Genova e della Liguria, Lella Trotta, Segretario Confederale UIL di Genova e della Liguria e Aldo Ragni, Segretario Provinciale UIL FPL Genova.

“Per rendere efficiente la grande macchina pubblica, senza demagogia e senza recriminazioni, la UIL FPL e la UIL intendono aprire un dibattito con il mondo delle istituzioni e della politica, per individuare, in modo costruttivo i punti di caduta delle nostre amministrazioni e proporre eventuali alternative. E’ necessaria una riorganizzazione del lavoro e dei livelli decisionali – ha dichiarato Giovanni Torluccio, Segretario Generale della UIL FPL – Altro che fannulloni. Siamo disposti a perseguire i nostri obiettivi occupando le sedi degli enti che si devono rimodernare. A chi parla di lavoratori fannulloni in senso generale, la UIL risponde che è sempre pronta a mettersi in discussione con le idee di un sindacato riformista che fa della contrattazione il suo strumento fondamentale. Inoltre la UIL di Genova e della Liguria ritiene grave e inopportuno scaricare sui contribuenti il costo del federalismo fiscale. Esistono le condizioni per intervenire radicalmente per razionalizzare i costi diretti ed indiretti della politica. Nel 2008 il Comune di Genova, ad esempio, ha impegnato 18.739.260 euro per le spese istituzionali. Basterebbe ridurre del 20% questi costi per recuperare risorse reali ed evitare la maggiorazione dell’aliquota IRPEF Comunale. A Genova l’addizionale adottata nel 2010 è stata dello 0,7% sui redditi superiori al 10.000 euro, gravando in media, 161 euro a testa. Per il momento appare necessario, per la UIL, aumentare la fascia di reddito esentata dal pagamento dell’aliquota”.

“Nasce oggi l’osservatorio sui costi della politica – ha concluso Pier Angelo Massa, Segretario Generale della UIL di Genova e della Liguria – In linea con le posizioni assunte al congresso regionale e alla nostra linea politica, la UIL della Liguria si assume l’impegno di aprire un confronto a tutto tondo su un sistema fiscale più equo e sulla rimodulazione dei costi della politica”