Politica

Tassa sul cinema, Pd lancia raccolta firme in Liguria: “No ai tagli alla cultura”

schermo cinema

Genova. La nuova tassa sul cinema, che a partire dal 1° luglio prossimo farà lievitare di 1 euro il prezzo dei biglietti nelle sale cinematografiche, ha fatto venire a galla numerose polemiche. Il Pd ligure, per protestare contro quello che definiscono “l’ennesimo schiaffo alla cultura”, ha organizzato presidi davanti ai cinema di tutta la regione.

“Sarà una mobilitazione nella mobilitazione: raccoglieremo le firme, che stanno arrivando a fiumi, per mandare a casa Berlusconi e diremo con forza il nostro no ai tagli alla cultura, che colpiscono innanzitutto il nostro futuro e quello delle nuove generazioni”, afferma Giovanni Lunardon, vicesegretario del Pd ligure. “Ancora una volta è il settore della cultura quello colpito al cuore: ora anche il cinema diventa proibitivo”, commenta Margherita Mereto Bosso, segretaria Giovani Democratici Genova. “Ci troverete per le strade e nelle piazze delle città liguri in questo penultimo week-end di febbraio al grido di ‘svegliamoci’ – conclude Luca Garibaldi, segretario Giovani Democratici Liguria – e speriamo che tanti sosterranno la nostra stessa protesta”.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.