Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Sanità, Montaldo ai sindacati: “Il taglio delle risorse è una responsabilità del Governo”

Genova. L’Assessore regionale alla salute, Claudio Montaldo, risponde all’attacco delle organizzazioni sindacali contro la politica sanitaria della Regione Liguria: “Il Governo ha tagliato 3 miliardi e mezzo di spesa delle regioni, ha messo in ginocchio Comuni e Province e ha previsto, per il 2011, un incremento della spesa sanitaria dello 0,8%, meno della metà dell’inflazione, inoltre ha bloccato i contratti del pubblico impiego e dei dipendenti del sistema sanitario. Adesso a soccorrere Tremonti sono arrivati i sindacati liguri prendendosela con la Regione Liguria”, ha esclamato l’assessore alla salute.

“La virtualità attribuita dai sindacati – ha detto Montaldo – ai programmi di riorganizzazione messi in atto in questi anni dalla Regione Liguria è riscontrabile nel passaggio da un disavanzo del 10% a quattro anni di equilibrio di bilancio, a cui si è aggiunta una progressiva riduzione dell’imposizione fiscale sul lavoro e sui crediti, peraltro concordata con le organizzazioni sindacali. Forse – continua Montaldo – per i sindacati accorpamenti, fusioni e una crescita della residenzialità extraospedaliera e riabilitativa per oltre 2000 posti sono realtà virtuali, non invece per chi ne usufruisce da anni. Allo stesso modo oltre 7.000 famiglie liguri da anni hanno beneficiato e ne stanno beneficiando ancora del fondo per la non autosufficienza ed è singolare che si voglia ribaltare sulla Regione Liguria una responsabilità di azzeramento del fondo che appartiene al Governo”.

Montaldo chiama ‘marziani’ i sindacati “che evidentemente non leggono i giornali italiani e non sanno che ad oggi non si conoscono ancora le cifre del riparto sanitario e le risposte del Governo alla richiesta delle regioni sull’integrazione del fondo attraverso un emendamento al ‘mille proroghe’. È per questo – spiega Montaldo – che non si è potuto ancora avviare un confronto con le organizzazioni sindacali e i Comuni sul fondo per la non autosufficienza e sui piani per la sanità 2011. Per quanto attiene poi – aggiunge l’assessore – alla riorganizzazione messa in atto dal consiglio regionale ad agosto, la creazione di un polo oncologico San Martino Ist e il trasferimento dell’Evangelico a Voltri devono procedere celermente perché ogni giorno perduto riduce gli effetti economici di questa manovra”.

Sul confronto tra Regione Liguria e sindacati Montaldo attribuisce a questi ultimi la responsabilità di essersi sfilati: “Non presentandosi all’incontro programmato il 18 gennaio scorso per una pregiudiziale di principio e per non voler prendere atto che gli accordi regionali sottoscritti a marzo 2010 sono ricaduti sotto la tagliola di Tremonti. Per quanto mi riguarda comunque– ha concluso Montaldo – sono sempre disponibile e pronto a continuare il confronto”.