Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

San Michele, abitanti contro distruzione di villa seicentesca a causa di lavori stradali

Rapallo. Gli abitanti San Michele di Pagana non sono d’accordo con quanto dichiarato sui giornali dal sovrintendente ai beni paesaggistici della Liguria a proposito della villa del Seicento, probabilmente destinata ad essere distrutta e poi ricostruita in un’altra zona a causa di lavori stradali. “Il borgo di San Michele di Pagana, lungo la pittoresca strada litoranea per Portofino, diventa improvvisamente come Las Vegas – hanno dichiarato – e ricostruisce un fondale fasullo per potere abbattere una villa risalente al ‘600 e ricostruirla pochi metri piu’ a monte, con un ampliamento dei volumi, per consentire l’allargamento della strada”

Secondo l’orientamento della Sovrintendenza alle bellezze paesaggistiche della Liguria, la facciata dovrebbe infatti essere replicata per non alterare il ‘front line’. La villa, oggi in decadenza, era di proprietà nobiliare e ha ospitato personaggi famosi, tra cui Mogol. L’operazione immobiliare proposta da una società privata è stata approvata dal Comune di Rapallo che in questo modo intende allargare una strettoia che, secondo la giunta, crea problemi al traffico.

I residenti e le diverse associazioni ambientaliste, tra cui Italia Nostra, sono contrarie: “È una speculazione edilizia in un’area di grande pregio – spiegano – e sottoposta a numerosi vincoli fatta con la scusa della pubblica utilità”. Anche l’ex sindaco di Rapallo, Armando Ezio Capurro, ha denunciato “l’improprio uso del Piano Casa per un intervento che è già stato bocciato dalla Provincia di Genova”.