Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

S.Margherita, De Marchi scrive a Rosso: “Non invitarmi? Grossolanità istituzionale, da passerella elettorale”

Santa Margherita. Continua il botta e risposta a distanza tra il sindaco di Santa Margherita, Roberto De Marchi e il capogruppo Pdl in Regione, Matteo Rosso. All’origine del diverbio: l’annuncio di un sopralluogo dell’esponente Pdl nella cittadina rivierasca per ispezionare le strutture della Piastra Ambulatoriale che vista la non partecipazione di De Marchi ne ha provocato il risentimento “istituzionale”. Dopo l’ultima comunicazione di Rosso “Le schermaglie politiche le lascio al sindaco io mi voglio occupare di risolvere i problemi della gente”, la risposta di De Marchi non si è fatta attendere. Il sindaco ha controbattuto con una lettera “bollente” indirizzata allo stesso Rosso:

“Caro Matteo, purtroppo o per fortuna chi mi conosce sa quanto mi pesi abbandonare la mia lingua madre, che è la sincerità e la corrispondenza fedele tra ciò che penso e ciò che dico – scrive De Marchi – E’ vero, la mia schiettezza può sfociare talvolta in proposizioni particolarmente schiette e dirette, ma sono fatto così e non saprei apprendere ora quello che non ho imparato prima, ossia il politichese. Sappi tuttavia che non sono affatto adirato, come afferma il tuo ufficio stampa, per il fatto che hai programmato un sopralluogo ispettivo presso la Piastra Ambulatoriale di Santa Margherita. Mi sono risentito per quella che ritengo una grave mancanza di rispetto istituzionale. Non avendomi invitato a partecipare a detto sopralluogo tu hai mancato di rispetto non all’uomo Roberto De Marchi, che sei libero di giudicare politicamente sgradevole, ma al Sindaco eletto di Santa Margherita – sottolinea – Eletto, preciso, da coloro in nome dei quali giuri di fare politica, ovvero i cittadini.

“Essendo il nostro un regime democratico non posso quindi che ribadirtelo: dal punto di vista istituzionale quella che hai commesso è una vera e propria grossolanità, perfino gratuita dal momento che quando hai valide intuizioni come quella sulla destinazione del ricavato dalla vendita del Centro Tennis mi trovi pronto ad appoggiarti. Consentimi un’ultima nota a margine: l’aver tradotto l’invito dei consiglieri del PDL ad intervenire sul tema ospedaliero in un sopralluogo aperto al consigliere PDL Pietro Chiarelli ma non agli organi di vertice dell’amministrazione, è il modo migliore per ingenerare il sospetto che questa tua visita sia proprio una di quelle piacevoli passerelle elettorali da cui, almeno a parole, ami prendere le distanze – conclude De Marchi – Non pensi che sia il caso di rimediare?”