Economia

Regione, unanimità per ex Cideb: “Salvaguardare livelli occupazionali attuali”

roberto bagnasco

Regione. Il Consiglio Regionale questa mattina ha approvato all’unanimità l’ordine del giorno presentato dal Gruppo del Pdl, primo firmatario Roberto Bagnasco, in merito alla crisi occupazionale della ex Cideb Editrice srl di Rapallo.

“Con il documento – spiega Roberto Bagnasco – abbiamo espresso profonda preoccupazione per la sorte lavorativa dei dipendenti di questa azienda ed abbiamo impegnato al Giunta Burlando affinché siano posti in essere, concretamente, tutti gli strumenti necessari atti a salvaguardare la produzione ed i conseguenti livelli occupazionali della ex Cideb Editrice Srl”.
Secondo l’esponente del Pdl il fatto è ancora più grave se inquadrato nel suo preciso contesto “l’azienda – dice – in controtendenza rispetto al settore di riferimento in questi ultimi anni è stata protagonista ed è protagonista di risultati economici positivi sempre in crescita ed opera da moltissimi anni a Rapallo con successo a livello nazionale ed internazionale costituendo una tra le realtà più importanti del territorio visto che impiega direttamente 37 dipendenti senza considerare l’indotto”.

“Per questo motivo il Pdl, anche alla luce della pesante situazione che si è creata con la messa in mobilità di 12 dipendenti e preoccupato per gli ulteriori possibili sviluppi negativi, si è fatto garante di monitorare l’evolversi della vicenda assicurandosi che la Giunta assuma tutte le iniziative possibili e le azioni necessarie –  conclude Bagnasco – anche di concerto con le altre Istituzioni locali, per scongiurare la chiusura del sito produttivo di Rapallo e mantenere i livelli occupazioni attuali”.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.