Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Regione, Rixi (Lega): “Si finanziano le associazioni di sinistra con denaro pubblico”

Genova. Edoardo Rixi, capogruppo della Lega Nord in Regione Liguria, ha presentato un’interrogazione regionale per capire le motivazioni che hanno spinto la giunta regionale a stanziare 30.000 euro all’Associazione Medì, migrazioni nel Mediterraneo [non per il progetto Erasmus, come precedentemente scritto – ci scusiamo per l’errore].

Secondo il capogruppo del Carroccio “il lupo perde il pelo ma non il vizio. La giunta regionale di sinistra ha stanziato a fondo perso 30.000 euro di denaro pubblico a favore di un’associazione dichiaratamente vicina alla sinistra stessa, nel più classico degli schemi clientelari. Come se non bastasse questo finanziamento dovrebbe essere indirizzato alle politiche riguardanti gli studenti stranieri dell’Università di Genova, quando gli studenti liguri e le loro famiglie devono fare i salti mortali per riuscire a completare gli studi”.

“Tutto ciò – spiega Rixi – è in contrasto con le più basilari regole della logica e della correttezza. Come Lega Nord Liguria vorremmo piuttosto che prima si aiutassero gli studenti liguri con servizi adeguati, al momento assai scadenti, e con borse di studio, poi, se possibile, che si desse una mano anche a quegli stranieri che scelgono Genova come città universitaria. Invece la sinistra applica una politica al contrario, anzi una vera e propria discriminazione al contrario, in cui si avvantaggiano gli stranieri e si tolgono risorse ai liguri. Tutto ciò nel solco di quella mentalità perversa e nichilista che vuole terzomondizzare la nostra società per i fini elettorali di una sinistra in calo di consensi”.

In aggiunta, quale rettifica alla ns. svista iniziale, la seguente dichiarazione di Edoardo Rixi:
“La mia interrogazione nulla centra con il progetto Erasmus che peraltro condivido. Essa riguarda uno stanziamento di 30.000 euro fatto dalla regione all’Associazione Medì, migrazioni del Mediterraneo (vedere sito internet) che nulla centra con lo stanziamento per il progetto di interscambio europeo anzi questi fondo sono destinati a finanziare borse di studio unilateralmente per sudenti stranieri mentre il progetto Erasmus finanzia quelle per gli italiani che vanno all’estero. L’errore forse è motivato dal fatto che l’ass. Rossetti ha oggi finanziato il progetto Erasmus per 30.000 euro ma è solo una coincidenza sull’importo. Tengo a sottolineare la questione poiché già da studente mi sono sempre battuto per il sostegno al progetto europeo di interscambio che consente ai nostri giovani di andare a studiare all’estero. Per cui la mia posizione risulta diametralmente opposta a quella descritta nell’articolo. Io vorrei dare anche i soldi di ‘Medì’ al progetto europeo”.