Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Regione, Morgillo sul Terzo Polo: “È solo un grande bluff”

Genova. Il Vicepresidente del Consiglio Regionale Luigi Morgillo critica aspramente il Presidente del Consiglio Regionale, Rosario Monteleone,per le dichiarazioni rilasciate ieri in merito alla formazione del Terzo Polo (o Nuovo Polo, come detto da Monteleone stesso). “Se non vuole fare la figura del bugiardo – attacca Morgillo – il Presidente Monteleone tiri fuori i nomi dei due consiglieri del centro-destra che sarebbero in predicato di passare con il costituendo gruppo del terzo polo in consiglio regionale. Tutti i consiglieri del centro-destra – continua Morgillo – hanno singolarmente smentito, ed ora la carica istituzionale più alta del Consiglio Regionale non può tacere lasciando il dubbio che si sia trattato solo di meschine insinuazioni.”

“La politica in questa fase tormentata è chiamata a volare alto e non può ridursi a puri e meschini calcoli di potere, per giunta, vengono insinuati dubbi su cambi di squadra di consiglieri che sono stati eletti in una logica bipolare nella quale gli schieramenti erano ben definiti – dichiara il Vicepresidente del Consiglio regionale – Si cerca di insinuare sospette defezioni nel centro-destra -prosegue- per coprire le vergognose divisioni nella coalizione che ha sostenuto Burlando. Quando in campagna elettorale mettevamo in guardia gli elettori, sostenendo che intorno a Burlando si era aggregata una accozzaglia ancora più eterogenea della compagine che aveva sostenuto Prodi nell’ultima fallimentare esperienza di governo, non siamo stati ascoltati. A meno di un anno dalla loro vittoria questa maggioranza, e la Giunta da loro sostenuta, non è ancora stata in grado di risolvere alcun problema ed in compenso è divisa su tutto: dal Piano casa, alle misure da adottare per la sanità per non parlare delle nomine dove è già iniziata la giostra della lottizzazione con il manuale Cencelli”.

“Se questo è il clima nel quale sta nascendo il terzo polo in Liguria – conclude Luigi Morgillo – è un film che abbiamo già visto nella precedente legislatura: un grande bluff, il club dei trasformisti e della minestra riscaldata”