Piano Amt nei Municipi, Gianelli: “No ai tagli, il confronto deve continuare” - Genova 24
Cronaca

Piano Amt nei Municipi, Gianelli: “No ai tagli, il confronto deve continuare”

Agostino Gianelli, pres municipio media Valbisagno

Genova. Il primo marzo, data in cui dovrebbe entrare in vigore il piano aziendale Amt con la tanto discussa revisione delle linee, è sempre più vicino, ma, una volta iniziata la fase interlocutoria con i Municipi, l’ipotesi di un rinvio sembra sempre più plausibile. Dopo il Ponente e la Valpolcevera, la discussione in seno alle amministrazioni municipali ha toccato oggi l’altra vallata genovese, con una riunione pubblica convocata dal Municipio della Media Valbisagno.

“Il nostro obiettivo era creare un’occasione di partecipazione e così è stato – ha commentato il presidente Agostino Gianelli – l’altro risultato, ancora più importante, è stato ottenere un’apertura da parte di Amt. Alla nostra richiesta di ulteriore tempo per approfondimenti e confronti sulle proposte, i rappresentanti aziendali presenti oggi all’assemblea hanno dato la loro disponibilità nel proseguire con nuove occasioni di dialogo”. La settimana prossima è convocata un’apposita commissione ristretta per verificare proposte e margini di intesa.

Come annunciato la settimana scorsa anche i sindacati partecipano a questa fase interlocutoria con le loro richieste, dalla difesa dell’occupazione, alle critiche sulle scelte dell’azienda in tema di bilancio e di taglio delle linee. Ed è soprattutto su questo ultimo punto che confluiscono le convergenze con i Municipi. Il territorio della Valbisagno è molto popoloso e ha bisogno di collegamenti costanti con il centro città.

“Le nostre proposte, che rispondono ad altrettante esigenze dei cittadini – ha sottolineato Gianelli – sono principalmente tre: arrivare in centro con un unico autobus, mantenere le linee collinari, molto frequentate, e conservare allo stesso tempo gli autobus notturni, perchè molti dei nostri abitanti sono turnisti o lavorano proprio di sera. Inoltre c’è un altra critica che muoviamo al nuovo piano – ha concluso Gianelli – la maggior parte dei collegamenti si ferma a Molassana, poi, le linee fino a Struppa sono praticamente tagliate”.
Stasera sarà la volta del Municipio Levante.