Cronaca

Marassi, omicidio clochard: lituano condannato a 16 anni e mezzo

tribunale

Genova. Sedici anni e 8 mesi: questa la pena chiesta dal pm per Modestas Velicka, il lituano di 31 anni, accusato di aver accoltellato e ucciso Vladimir Gudim, un clochard ucraino di 41 anni, il 5 dicembre 2009 in una baracca sul greto del torrente Fereggiano, nel quartiere di Marassi.

La scintilla che portò Velicka ad uccidere fu la gelosia per una badante ucraina contesa e altre invidie personali. Secondo le indagini dei carabinieri che lo arrestarono il giorno dopo l’omicidio, il lituano, pesantemente ubriaco quella sera andò da Gudim per contendere l’amore della donna, l’incontro degenerò e Velicka uccise il rivale.

Oggi il processo con rito abbreviato si è concluso per lui con una condanna a 16 anni e mezzo di reclusione, con l’interdizione perpetua dai pubblici uffici, il risarcimento della sorella della vittima, costituitasi tramite l’ambasciata ucraina, e il pagamento di una provvisionale di 30mila euro immediatamente esecutiva.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.