La Ferla Pro Recco in Croazia incontrerà il Mladost: la strategia di mister Porzio - Genova 24
Sport

La Ferla Pro Recco in Croazia incontrerà il Mladost: la strategia di mister Porzio

Rari Nantes Bogliasco – Ferla Pro Recco

Recco. La Ferla Pro Recco è arrivata in Croazia, dove affronterà la formazione che ha vinto più Coppe dei Campioni, il Mladost. La squadra ligure è incompleta, mancano il capitano Benedek, Giorgetti e Di Costanzo, rimasti a casa per un fastidioso attacco influenzale, ma mister Porzio ha pronta una strategia basata sullo sfruttamento dei punti di forza della Ferla.

Mister la squadra Campione d’Europa incontra la formazione che ha vinto più Coppe dei Campioni: “Si il Mladost è la squadra più blasonata in questo senso, il nostro obiettivo, da qui al 2013 è di raggiungerla: non sarà facile perché la concorrenza si fa sempre più agguerrita, ma noi siamo attrezzati ed a cominciare da domani facciamo la nostra rincorsa alla settima Coppa, che significa proprio eguagliarli”.

Pre-partita caldo, il Mladost ha dichiarato che non ha paura di nessuno: “E’ prevedibile, un modo per farsi coraggio. Per esperienza so che questo è un ambiente molto caldo, con grandi pressioni: una strategia per aumentare la tensione e per liberarsi dei fantasmi. Noi siamo tranquilli e consapevoli della nostra forza: forza ma anche molta serenità. Per gli avversari oltre a quello che si dice in conferenza stampa e cioè che per loro non è importante, penso che sia esattamente il contrario. Tutti ci tengono a partire con il piede giusto. È importante non sbagliare le partite casalinghe per questo i n ostri avversari sentono tanta pressione”.

Una lettura della partita, in chiave pre-tattica: “Cercheranno di sfruttare i punti forza e cioè di giocare una partita molto verticale, di non dare a noi la possibilità di sfruttare il gioco in velocità, di imporre un ritmo elevato alla gara. Noi cercheremo di farlo perché sappiamo che una partita del genere giocata molto fisica e verticale potrebbe essere apertissima, invece e fortunatamente abbiamo tutte le caratteristiche, sia di forza fisica ma anche di estro e di velocità, che spesso sviluppiamo nella fase orizzontale, insomma le controfughe. Qui c’è la chiave del match”.

Pro Recco incompleta: “Mancano alcuni giocatori. Capitano Benedek è un elemento importantissimo in acqua e fuori ma noi ci siamo preparati in tutti i sensi. Non a caso la settimana scorsa ci siamo allenati con la Nazionale, avevamo ovviamente anche in quel caso alcuni giocatori in meno: siamo abituati a sopperire a tutte le difficoltà e anche preparati ad una situazione del genere, merito della società, con un organico adeguato ad affrontare una stagione così lunga, ricca di impegni importanti, mettendo in previsione anche le situazioni di difficoltà, come infortuni, squalifiche o come in questo caso, un attacco influenzale”.

Zagabria, Rijeka, Budapest le piscine saranno bolgie e a Sori: “In questa fase mi aspetto anche da parte nostra molto calore e passione intorno alla squadra. In Liguria partite di questo livello non sono solo seguite ma anche attese: non solo avremo il pubblico che verrà a vedere lo spettacolo ma sarà appassionato e dalla nostra parte”.

Più informazioni