Politica

Il Milleproroghe è legge: in arrivo i primi 45 mln per i fondi alluvione

danni maltempo sestri

Liguria. Il Senato ha definitivamente approvato la conversione in legge del decreto Milleproroghe. Il documento e’ stato approvato con 159 voti a favore, 126 contrari e due astensioni.

Per la provincia di Genova, oltre ai 70 milioni stanziati per il ribaltamento a mare dello stabilimento Fincantieri di Sestri Ponente, sono confermati i primi 45 mln di euro, attesi da tutto il territorio ligure, per i fondi destinati ai danni alluvionali e agli eventi franosi dei mesi scorsi, con l’opzione di altri 45 mln (90 mln).

Per le famiglie e le imprese di Sestri Ponente, duramente colpita dall’alluvione dello scorso ottobre, vorrebbe dire pensare realmente al futuro, ricostruire, ricominciare, come aveva affermato pochi giorni fa il presidente della Regione Claudio Burlando:”E’ tempo di agire, un decreto contenente misure ex novo sarebbe operante subito, quindi si potrebbe agire immediatamente”.

Tra le novità del maxiemendamento approvato nel primo pomeriggio nell’Aula di Palazzo Madama: l’aumento del biglietto del cinema (escluse le parrocchie), il rinvio per le multe legate alle quote latte, fino alla nuova ‘mission’ di Poste spa che scorporera’ le attivita’ di bancoposta e potra’ assumere anche quote di controllo in Banca del Mezzogiorno. Ma anche stop agli sfratti, foglio rosa per i motorini, anatocismo e “tagliola” per i precari spostata.

Il provvedimento, contenente le modifiche apportate dall’ultimo passaggio parlamentare, dovrà ora essere firmato dal presidente Napolitano per poi essere pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale per la sua entrata in vigore.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.