Cronaca

Genova, “Se non ora quando”: oltre 10mila in piazza De Ferrari

Genova. Agg.h.15.45. La folla ha raggiunto piazza De Ferrari e sono incominciati gli interventi sul palco. Secondo quanto dichiarato dagli organizzatori, i partecipanti sarebbero circa 10mila. Un grande successo, quindi.

E’ appena incominciata in piazza Caricamento la manifestazione “Se non ora quando” e dall’affluenza si può già decretare un primo successo dell’evento. L’intera zona intorno a palazzo San Giorgio e le vie limitrofe sono gremite, principalmente da donne di tutte le età, ma non mancano neppure molti uomini e bambini. Il corteo sta per imboccare via San Lorenzo in direzione piazza De Ferrari, dove è collocato il palco su cui ognuno potrà esprimere un proprio pensiero e leggere frasi di donne e uomini che hanno dato un esempio di grande dignità e di valore nella storia.

Come annunciato, il colore predominante è il bianco delle sciarpe e dei palloncini, distribuiti anche in piazza dagli organizzatori della manifestazione. In questo momento la gente continua a confluire a Caricamento e dalla metropolitana sta uscendo un flusso costante di persone. Tanti i cartelli in mostra, ma il più comune è quello con la scritta “Basta” e non sono da meno i fogli appesi al collo riportanti la lettera “D” di dignità, diritto, donne, ma anche di dimissioni, ovviamente quello che vengono richieste al premier Silvio Berlusconi.

Sarebbero 5mila, secondo le prime stime degli organizzatori, i partecipanti, tra cui figurano anche la sindaco Marta Vincenzi, l’europarlamentare Sergio Cofferati e il comitato “Le Graziose”, che rappresenta le prostitute del centro storico.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.