Cronaca

Genova: non può rubare, per la rabbia distrugge la vetrina del negozio

tabaccheria

Genova. Via Pastorino, ore 8 del mattino, due tizi, un uomo e una donna, entrano in una tabaccheria. Lui si mette davanti al banco delle sigarette, mentre lei prima dà un’occhiata alle macchinette del videopoker e poi va dietro il bancone e si guarda attorno.

Il tabaccaio è stupito, fin spaventato per quell’atteggiamento, crede che di lì a poco si compia una rapina nel suo negozio e senza pensarci due volte prende una paletta e intima ai due di andarsene.

La donna non replica, ma si avvicina all’uscita e prima di sparire tira un violento calcio alla vetrina, che va in frantumi.
Il tabaccaio chiama la polizia e fornisce un’accurata descrizione dei due strani tipi che vengono rintracciati poco dopo, mentre si trovano all’interno di un ufficio postale, in attesa del proprio turno per accedere agli sportelli.

I due sono stati portati in questura e identificati: sono entrambi genovesi, lui ha 51 anni, lei 30 e nella borsa tiene un coltello a serramanico della lunghezza di 17 cm, di cui 7 di lama. L’arma viene sequestrata, mentre lei denunciata per il possesso ingiustificato del coltello.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.