Politica

Genova, Gabriella Mondello (UDC) porta in televisione la questione di Fincantieri

Fincantieri

Genova. “Al ministro dello Sviluppo economico Paolo Romani chiedo rassicurazioni sul futuro della cantieristica ligure in generale e sul cantiere di Riva Trigoso in particolare, tenuto conto anche di una bozza di piano industriale di Fincantieri 2010-2014, emersa a settembre e poi accantonata dopo un incontro con i sindacati, che colpiva in modo incisivo proprio i siti liguri”.

E’ quello che farà domani, alle ore 15, l’onorevole UDC Gabriella Mondello, quando parteciperà alla trasmissione televisiva “Question Time Camera”.

“Il 2010 è stato un anno difficile per la cantieristica italiana, settore che per numero di occupati, strategicità ed impatto sull’export italiano meriterebbe – continua la Mondello – un’attenzione ed un impegno ben maggiori da parte del Governo”.

Rispetto ad una situazione gravissima,infatti, non vi è stata una azione di rilancio forte di una realtà produttiva che conta più di 30 mila occupati tra lavoratori diretti  e indotto.

“Le organizzazioni sindacali manifestano una forte preoccupazione per la situazione in cui versa Fincantieri: cassa integrazione nel 2011 per tutti i cantieri e il rischio di non avere commesse – continua la Mondello – particolarmente colpita da questo stato di crisi è la Liguria che presenta tre sedi cantieristiche: Genova Sestri Ponente; Riva Trigoso (Sestri Levante) e Muggiano (La Spezia)”.

Nonostante lo stabilimento di Riva Trigoso sia quello più produttivo e con meno assenteismo, sembrerebbe quello a maggior rischio di ridimensionamento, anche alla luce di un episodio avvenuto recentemente: un pattugliatore commissionato dagli Emirati Arabi, costruito a Riva Trigoso, è stato varato in tutto silenzio e trasferito al cantiere di Muggiano in attesa di essere ufficialmente inaugurato alla presenza dei committenti con un cerimonia ufficiale, quasi a voler oscurare il lavoro svolto nello stabilimento di Riva Trigoso.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.