Genova, Fil Cgil su cessione quote aeroporto: “Pronti a scendere in piazza, la privatizzazione preoccupa” - Genova 24
Cronaca

Genova, Fil Cgil su cessione quote aeroporto: “Pronti a scendere in piazza, la privatizzazione preoccupa”

protesta lavoratori aeroporto filt cgil

Genova. “Abbiamo avviato le procedure per uno sciopero, la settimana prossima decideremo la data”. E’ questa la prima risposta di Filt Cgil un’ora dopo l’annuncio dell’approvazione del bando di gara per la cessione delle quote detenute da Autorità Portuale di Genova nella società dell’Aeroporto.

“Noi abbiamo votato contro – spiega Giacomo Santoro, segretario provinciale di Filt Cgil – perchè non ci convince questo bando, volevamo un ragionamento diverso, ma non ci è stato permesso. I lavoratori sono preoccupati, la privatizzazione certo non migliora le condizioni lavorative”.

L’Autorità Portuale deteneva il 60% delle quote, quindi la maggioranza. Il resto resta in mano a Camera di Commercio (25%) e ad Aeroporti di Roma (15%).

“Un nuovo socio di maggioranza è un salto nel buio, era necessario ragionare prima di arrivare a questo punto, ma non ce n’è stata la volontà nè politica nè economica. Questa decisione è netta, drastica e molto preoccupante. Quando si poteva andare avanti e crescere l’aeroporto Colombo è rimasto indietro rispetto ad altri scali, c’era bisogno di una pianificazione diversa, da fare però prima di arrivare a questo punto. Ora si va verso la privatizzazione”.

La Camera di Commercio ha il diritto di poter acquistare le quote lasciate da Autorità Portuale, se così fosse potrebbe essere positivo? “Se accadesse avrebbe l’85%, a quel punto sarebbe necessario almeno avere un partner di minoranza con maggior esperienza a livello aeroportuale”.