Genova, bilancio saldi invernali: maltempo e crisi nemici degli affari - Genova 24
Economia

Genova, bilancio saldi invernali: maltempo e crisi nemici degli affari

saldi

Genova. Una partenza in salita terminata con una discesa di qualche punto percentuale: il bilancio dei saldi genovesi, complici la crisi economica, i consumi stagnanti, la concomitanza con le partite di calcio, ma soprattutto il maltempo della prima settimana, non si chiude all’insegna del più sano ottimismo, segno che sotto la Lanterna, non si è verificato, al contrario di altri anni, il tanto auspicato assalto alle vetrine, come invece sperato dalle varie associazioni di categoria per dare un po’ d’ossigeno a un settore, quello di moda e abbigliamento, che da tempo soffre la crisi e la concorrenza della grande distribuzione.

“Una stagione dei saldi nel complesso deludente – ha commentato il presidente provinciale Fismo, Enrico Malvasi, a due giorni dalla chiusura dei ribassi invernali – Dopo una partenza sotto tono il mercato non ha trovato la forza di reagire arrivando così a fine gennaio mediamente sotto dal 10 al 30%. Febbraio non ha dato spunti rilevanti attestandosi in media sui valori dell’anno scorso. Quindi un avvio di anno non certo brillante”. Anche se non tutti hanno registrato pareri negativi. “Alcuni esercenti sono un po’ meno scontenti ma nella media resta la preoccupazione per un anno partito molto male. Le cause – spiega ancora Malvasi – vanno ricercate nella crisi economica e non certo in altri motivi. Perché la crisi – ha concluso il presidente Fismo Confesercenti – non ha ancora fatto ripartire i consumi, nemmeno debolmente”.

Anche i dati di Ascom-Federmoda rilevano un trend delle vendite in calo, anche se minore, delle vendite in città nel periodo dei saldi: “Non c’è stata un’inclinazione sciagurata delle vendite ma un calo del 3-4% in meno rispetto agli altri anni sì – ha spiegato il presidente provinciale Gianni Prazzoli – ha inciso sicuramente la contrazione dei consumi, ma soprattutto il maltempo. Come è noto se i primi dieci giorni di saldi vanno male, poi è difficile riprendere un trend positivo. Purtroppo per i primi tre giorni abbiamo avuto in città un tempo inclemente. I dati comunque non sono omogenei, variano da negozio a negozio. In generale, comunque, sono andati meglio i saldi nella fascia di prezzo più alta”. Meno guadagni rispetto agli scorsi anni ma, dato positivo della stagione, nessuna irregolarità nelle vendite.”A quanto ci risulta l’Annona non ha effettuato alcun verbale di contravvenzione – ha concluso Prazzoli – segno che il tessuto commerciale della città si è comportato correttamente”.