Genoa, Preziosi soddisfatto: “Squadra migliorata, valorizzeremo i giovani” - Genova 24
Sport

Genoa, Preziosi soddisfatto: “Squadra migliorata, valorizzeremo i giovani”

Enrico Preziosi

Genova. A mercato ormai concluso, è tempo di tracciare un bilancio generale. Il presidente rossoblu Enrico Preziosi esprime soddisfazione per gli acquisti fatti a Gennaio: “Credo che ci sia più solidità e consistenza. Io continuo a divertirmi, solo se vinciamo o non perdiamo. Contano i punti, di certo sono più sereno dopo il mercato. Resta una stagione difficile, ma funzionale a imbastire la nuova, che nascerà senza tensioni o creare illusioni. Con qualche piccolo aggiustamento, potremo dire la nostra. Rivendico una maggiore autonomia per il club nelle scelte, solo così potremo continuare l’opera di consolidamento. Con determinati presupposti”.

Parlando del magnifico ‘trio K’, formato da Kucha, Kaladze e Konko, Preziosi racconta: “Siamo riusciti a bruciare la concorrenza per Kucka. Abbina tecnica e forza fisica nella stessa misura, è un elemento di sostanza per il centrocampo. Quanto a Kaladze, lo stimo come uomo e come calciatore. Voglio allungargli il contratto, diventerà un modello per la crescita dei nostri giovani. E non dimentico Konko”. Sul fronte dei nuovi arrivi “Floro Flores mi è piaciuto: dà profondità e non offre riferimenti. Peccato per la perdita di Destro. Paloschi? Ha i movimenti del grande attaccante”.

Preziosi promette più coraggio da parte della società nel lanciare i giovani, “Come già succede all’estero. Del resto, i premi per il settore giovanile sono fini a se stessi, se poi non si creano le condizioni, per gettare nella mischia i più promettenti. El Shaarawy e Polenta, per esempio, sono due che vorrei vedere in prima squadra. Già la prossima stagione”. Il presidente ha aggiunto che quest’estate difficilmente la società si lancerà in nuovi acquisti.

Cosa ne pensano invece i tifosi del lavoro svolto dalla società a Gennaio? I commenti sulla pagina facebook ufficiale del Genoa cfc si dividono, come sempre, tra il soddisfatto e il ‘si poteva fare meglio’. Michele, ad esempio, è tra quelli – piuttosto numerosi – che lodano Preziosi: “Dobbiamo ritenerci molto fortunati ad avere un presidente cosi, magari qualche volta sbaglia anche ma chi non commette sbagli nel lavoro. Grazie presidente continui cosi che la maggior parte dei veri genoani sono con lei, grazie e forza Genoa”. L’utente Mente Mascherata non ha dubbi: “È incredibile come riusca ad infondere sempre serenità nei suoi discorsi, La serenità di chi è conscio del percorso che sta facendo e della strada che dovrà fare. Ad ogni bivio è capace di scegliere sempre con una certa logica coerente. Signori, per me è il miglior presidente!” così come Giuliano “La continuità è stare in serie A dignitosamente (…), il presidente mi infonde serenità, io mi ricordo ancora di Meroni, abbonamenti biennali per non venderlo e poi serie B, dei Fossati che si sono venduti i Pruzzo per due caramelle, gli altri nube che corre, Scerni, Spinelli sono recenti spero che li ricordiate tutti, grazie Enrico”. Ma non mancano gli scettici, come Marco: “Si spera mantenga questa promessa, perchè finora di continuità ce n’è stata proprio poca”. “Certo certo, come sempre. – è il commento sarcastico di un tifoso che corrisponde al nick ‘Tadde’ – Da febbraio a maggio e da settembre a dicembre è la sua parola preferita: continuità”.

Sempre su Facebook, un post recente domanda ai tifosi quali sarebbero le migliorie da apportare alla squadra alla società. L’utente Alessandro propone ironicamente di “Clonare Kucka, Kaladze e Konko”, Alex vorrebbe “Richiamare Gasperini” mentre Riccardo propone una soluzione che risulterebbe sicuramente gradita a moltissimi tifosi: “Un bel bar degli aperitivi dentro lo stadio. Soprattutto per le partite che si giocano alle 18!”. Gli fa eco Giuliano: “Oltre al bar anche un ristorantino per le partite delle 12.30, una tavola calda, insomma, qualcosa da mangiare!”.
Ci sono i nostalgici, come Andrea: “Solo il ritorno di Diego Alberto Milito, con lui testa-cuore-corpo sarebbero a posto per puntare a obbiettivi importanti”, mentre Davide suggerisce di “Non fare da supermercato per le grandi squadre che quando gli va fanno un giro da noi a fare shopping e a portarsi via giocatori più buoni che abbiamo”. Christian suggerisce di “non vendere i pezzi pregiati e investire sui giovani (Criscito docet)” e Alberto cita anche il merchandisign, auspicando “una politica di riduzione dei prezzi dei biglietti e dell’abbigliamento del Genoa”. Infine, Ste propone poco diplomaticamente di “asfaltare la Samp” mentre Cristiano pensa a un restylin dello stadio: “Comprare il Ferraris, dipingerne di blu una metà e riempirlo di Grifoni ovunque”.