Economia

Fincantieri Riva, Regione appoggia Musolino per l’incontro con il Ministro Romani

renzo guccinelli

Genova. “La Regione si unisce all’iniziativa del prefetto perché questo territorio ha ricevuto tanto da Fincantieri ma ha anche dato tanto a questa grande azienda e vogliamo continuare a farlo”: così ha commentato l’assessore regionale allo Sviluppo economico Renzo Guccinelli la richiesta d’incontro chiesta dal prefetto di Genova Francesco Antonio Musolino al ministro dello Sviluppo Economico Paolo Romani, per avere chiarimenti sul futuro dello stabilimento di Riva Trigoso. Sono state così accontentate le richieste dei 300 lavoratori della Fincantieri di Riva Trigoso che ieri pomeriggio si sono ritrovati a De Ferrari per marciare verso la Prefettura, accompaganti da parlamentari liguri e dai sindaci del territorio. Il Prefetto ha accolto la richiesta e ha fatto “da tramite” per avere un incontro con il Ministro Romani e cercare di capire se davvero è possibile un ridimensionamento del cantiere e una riduzione del personale.

“Noi – ha aggiunto Guccinelli – andremo a dire che oggi in Liguria abbiamo tre siti di produzione cantieristica e riteniamo che debbano rimanere attivi tutti e tre”. “Riva Trigoso e Muggiano – ha sottolineato l’assessore regionale allo Sviluppo economico – sono i due centri di produzione di tutto il settore militare di Fincantieri e non si capisce la ragione per cui uno dei due debba cessare la propria attività, anche perché hanno funzionato bene in tutti questi anni”. “E’ un settore, quello militare – ha proseguito – che tutto sommato regge ancora: ci sono commesse aperte come nel caso delle Fremm e la produzione andrà avanti negli anni sempre che il Governo mantenga i patti e non rimetta in discussione queste commesse. Ci sono tutte le condizioni – ha ribadito Guccinelli – perché questi cantieri continuino ad esistere”.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.