Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Fincantieri Riva, la protesta: in mille bloccano l’Aurelia contro la chiusura

Sestri Levante. Hanno bloccato l’Aurelia, all’altezza delle galleria di Sant’Anna a Sestri Levante, i lavorati del cantiere navale Fincantieri di Riva Trigoso. Sono più di mille, ma non sono da soli. Con loro si sono infatti riunite le tante aziende dell’indotto che gravita intorno a questa importante realtà industriale della riviera di levante. Protestano tutti insieme perché il timore del ridimensionamento del cantiere è sempre più attuale. Lo scopo è quello di ottenere una convocazione dalla prefettura, che a sua volta solleciti un incontro in tempi brevi con le istituzioni per avere risposte concrete sull’effettivo futuro del cantiere navale.

“Il ministro, ieri, rispondendo all’interrogazione dell’onorevole Gabriella Mondello, che ringraziamo, ha praticamente annunciato la chiusura del cantiere, dicendo che se ne andrà il settore navale – spiega Sergio Ghio, segretario della Fiom Cgil Tigullio – Contemporaneamente, però, dimostrando di non aver capito per niente la situazione, ha promesso di interessarsi per far riparare la gru che non funziona. La domande sorge spontanea: che senso ha riparare le gru se il cantiere verrà chiuso?”.

Una situazione più che preoccupante, che ha portato i dipendenti di Fincantieri a scendere per le vie di Sestri Levante e a bloccare l’Aurelia. “La risposta del ministro dimostra che il piano industriale non è mai stato accantonato, anzi, è sempre lì e prevede di chiudere il cantiere navale – ha concluso Ghio – ma la manifestazione di oggi dimostra che la realtà di Riva risponde e lo stanno facendo anche le aziende dell’indotto che sono al nostro fianco”.