Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Corteo di immigrati blocca il centro di Genova: “Scidone i criminali non sono nelle nostre case” foto

Più informazioni su

Genova.Una manifestazione per affermare i propri diritti, anche senza regolare permesso di soggiorno: un corteo di centinaia di persone, al ritmo di bonghi, fischietti e tamburi ha bloccato la città, snodandosi per le vie del centro genovese, dalla Commenda di Prè a Piazza De Ferrari, in direzione poi di via Roma.

“Siamo scesi in piazza per dare voce agli amici senegalesi e marocchini perseguitati in maniera troppo spesso organizzata – spiega uno degli organizzatori dell’Associazione Antirazzismo Interetnica 3 febbraio – Di notte la polizia irrompe alle prime ore del mattino per portarli in Questura, accusandoli di essere criminali, solo perchè non in possesso del permesso di soggiorno o perchè sono venditori ambulanti”.

“Diritto di soggiorno per tutti”, “Libertà, dignità, solidarietà” recitano alcuni degli slogan che hanno accompagnato il corteo antirazzista. Ma la stoccata principale è contro il Comune: “L’assessore Scidone cerchi i veri delinquenti altrove, così facendo invece spreca solo i soldi dei cittadini. Questa è una pacifica manifestazione per ribadire che le sanatorie finte non le vogliamo, e per affermare la nostra dignità. Il Comune non fa niente per favorire l’integrazione, né in tema di immigrazione. Vogliamo essere trattati come persone, abbiamo diritti, che devono essere rispettati”.