Cronaca

Cideb editrice Rapallo, sindacati: “12 esuberi per un piano di ristrutturazione con scarsi risultati”

Rapallo

Rapallo. Domani il Sindaco di Rapallo, Mentore Campodonico, incontrerà i delegati delle segreterie sindacali CGIL e CISL unitamente alle RSU della ex Cideb Editrice Srl per sensibilizzare le Istituzioni sulla situazione vigente.

Cideb Editrice Srl è una casa editrice di Rapallo, attiva in Italia e all’estero in cui lavorano 37 dipendenti per un fatturato medio di circa 10 milioni di euro, acquistata nel 2007 dal Gruppo De Agostini. Fino a dicembre 2010 ha operato mantenendo inalterata la struttura e l’organico. Con effetto a partire dal 01/01/2011 De Agostini Scuola Spa ha fuso per incorporazione Cideb Editrice Srl. Dopo meno di un mese il Gruppo De Agostini ha coinvolto la nuova Società incorporata in un piano di ristrutturazione che prevede, ai sensi della legge 223/91, la messa in mobilità di 153 dipendenti su tutto il territorio nazionale di cui 12 sulla sede operativa di Rapallo.

“I lavoratori della ex Cideb – scrivono le RSU – coinvolti negli esuberi sono sorpresi e sgomenti di perdere il proprio posto di lavoro soprattutto in un’azienda che oltre a confermare la propria capacità di stare sul mercato ha conseguito negli ultimi 4 anni risultati positivi addirittura in crescita. In meno di un mese il territorio del Tigullio ha perso un’altra azienda a seguito di una fusione per incorporazione e 12 lavoratori della stessa Azienda incorporata si ritroveranno a casa – concludono – a fronte di un piano di ristrutturazione difficilmente condivisibile sulla base dei citati risultati economici”.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.