Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Calcio femminile, serie B: per il Bogliasco pronta riscossa in terra umbra

Bogliasco. Il Bogliasco vince con merito, ben al di là dello striminzito punteggio, la sfida sul campo di un coriaceo Hispellum. Ci si attendeva una risposta convincente e gagliarda dal team, dopo il passaggio a vuoto della scorsa domenica contro il San Zaccaria. La risposta in effetti c’è stata.

Splendida, per l’attenzione, la concentrazione, la grinta ed il desiderio di fare sempre la partita, non concedendo che un’unica occasione verso la porta di Piola, in 95 minuti di gioco, alle locali, e sciorinando a tratti, nonostante la pioggia ed il campo pesante, anche buone trame e giocate d’assieme. Il neo della giornata, a voler essere pignoli, è il non essere stati troppo precisi sotto porta, non riuscendo a chiudere il match, rimasto invece in bilico, sotto il profilo del risultato, sino al termine. Troppe sono infatti state le occasioni ghiotte non realizzate.

Minoliti decide qualche cambio rispetto alla scorsa gara: dentro quattro novità, Anzaldi a centrocampo a far coppia con Zoppi, Zucconelli in retroguardia con Librandi, Conigliaro confermata a destra, mentre De Blasio fa l’esterno basso a sinistra; sulle fasce Nietante e Marta Basso, davanti Baldisserri ed il bomber della Juniores Francesca Favilli. In panca ci sono Aloi, D’Annunzio, Massa e Boggero. Le ostilità si aprono sotto una fitta pioggia, ed al 5° una bella azione manovrata porta Nietante ad arpionare in bello stile un pallone vagante in area, la girata di sinistro è da incorniciare, la risposta a salvare la propria porta di Donati è miracolosa. Al 12° la giovane Favilli si libera bene e prova il destro dal limite, Donati blocca sicura. Poi, al 18°, Baldisserri pennella una gran palla alla stessa Favilli, il centroavanti controlla e penetra in area, ma ha il torto di concludere troppo velocemente: palla a lato. Favilli fa grande movimento, va a contrastare e a proporsi, davvero un bell’impatto sulla gara di questo attaccante che, dopo due anni e mezzo di stop per infortunio, sta decisamente bruciando le tappe, grazie anche agli impegni con la Primavera bogliaschina, per tornare ad altissimi livelli. Al 28°, sugli sviluppi di un angolo di Zucconelli, la difesa respinge corto, e proprio Favilli è la più lesta a concludere potente a giro, la sfera accarezza l´incrocio dei pali. Poi, al 31°, punizione di De Blasio, corta respinta delle locali, irrompe Librandi ma il suo tiro al volo da posizione invitante manda il pallone a lato.

E l’Hispellum? Le umbre combattono con vigoria e volontà, ma non riescono ad affacciarsi dalle parti di Piola, grazie anche alla ottima giornata della terza linea ospite, molto sicura nei movimenti delle quattro ben direzionate da capitan Librandi. Il Bogliasco passa in vantaggio al 34°, con un’azione brillante che pesca Zoppi al limite dell’area, abile ad infilarsi in uno spazio libero, a presentarsi davanti a Donati ed a segnare con freddezza. Nel finale di tempo succede un parapiglia: Piola, pur coperta da due compagne di reparto, decide di uscire sulla parte esterna dell’area di rigore, in direzione del lato delle panchine, ma calcola male la distanza e devia la sfera con la mano appena oltre la riga: l’assistente se ne accorge e segnala il fallo all’arbitro che decreta la punizione ed ammonisce Piola. La panca locale insorge invocando l’espulsione dell’estremo. Il direttore di gara non si scompone e, dopo un siparietto con l’allenatore ospite circa il regolamento, fa proseguire l’incontro.

La ripresa vede le biancocrociate caricare a testa bassa alla ricerca del goal della sicurezza. Sembra fatta al 10° con Favilli che scappa via alla difesa, entra in area e sola davanti al portiere calcia però alle stelle. Dopo pochi minuti una impressionante percussione sulla destra di Nietante fa il vuoto nella retroguardia spellina, l’esterno va sul fondo ed offre alla coppia Basso e Favilli il più comodo dei palloni da appoggiare in rete, la ormai stanca Favili si avventa sulla sfera ma colpisce male a non più di tre metri dalla linea fatidica e Donati abbranca in tuffo scongiurando la più scabrosa delle situazioni. L’Hispellum confeziona a metà ripresa la sua unica occasione per pareggiare con un bel colpo di testa al termine di una buona azione corale che viene ben neutralizzato da Piola. A questo punto Minoliti richiama Favilli e butta nella mischia Boggero, autrice subito di qualche ottimo numero. Il Bogliasco riparte di slancio e Basso ha sui piedi la palla per chiudere il match, ma decide di servire al centro Baldisserri, fermata per offside. Ci prova anche Conigliaro, con una conclusione dalla lunga distanza, ma Donati blocca a terra. Nel finale D’Annunzio rileva un’ottima Anzaldi e Massa dà il cambio alla volitiva Nietante. Saltano un po’ i nervi alle padrone di casa: l’arbitro manda una calciatrice e un dirigente fuori. Nei minuti di recupero i disperati tentativi locali sono sterili ed il Bogliasco Pieve porta a casa tre punti pesanti.

Bogliasco Pieve allenato da Roberto Minoliti ha giocato con Piola, Basso, De Blasio, Conigliaro, Zucconelli, Anzaldi (s.t. 40° D’Annunzio), Librandi, Zoppi, Favilli (s.t. 23° Boggero), Baldisserri, Nietante (s.t. 43° Massa); a disposizione Aloi.

Il recupero della 9° giornata.
San Zaccaria – Villacidro Villgomme 2 – 3

I risultati dell’11° turno:
Castelvecchio – Olimpia Vignola 2 – 0
Hispellum – Bogliasco Pieve 0 – 1
Packcenter Imola – Villacidro Villgomme 3 – 0
San Zaccaria – Arezzo 4 – 0
Spezia – Anspi Marsciano 4 – 1
ha riposato: Olimpia Forlì

La classifica al termine del girone di andata:
1° San Zaccaria 22
1° Bogliasco Pieve 22
1° Packcenter Imola 22
4° Villacidro Villgomme 17
5° Olimpia Forlì 16
6° Castelvecchio 15
7° Olimpia Vignola 14
8° Spezia 12
9° Hispellum 10
10° Arezzo 3
11° Anspi Marsciano 2

Gli incontri della 12° giornata, in programma domenica 13 febbraio alle ore 14,30:
San Zaccaria – Anspi Marsciano
Hispellum – Arezzo
Packcenter Imola – Bogliasco Pieve
Spezia – Olimpia Vignola
Olimpia Forlì – Villacidro Villgomme
riposa: Castelvecchio