Bomba Recco, meno due giorni al disinnesco: è tutto pronto - Genova 24
Cronaca

Bomba Recco, meno due giorni al disinnesco: è tutto pronto

bomba recco

Recco. E’ iniziato il conto alla rovescia per lo sminamento della bomba di Recco, il secondo ordigno bellico di 1000 libbre ritrovato nel cantiere di via XXV Aprile nel giro di un mese. Mancano solo due giorni, tutto è pronto e stamattina si svolgerà l’incontro in prefettura per definire gli ultimi dettagli. Come a gennaio, anche domenica, l’evacuazione riguarderà quasi 5 mila abitanti e un’area di circa 400 metri. Inizierà alle 7 e finirà entro le 9. Proprio dalle 9, infatti, strade, e casello autostradale in direzione Recco saranno bloccati, fino alle 10 si proseguirà con i controlli, e dalle 10.30 inizieranno le operazioni di competenza dei militari.

I treni resteranno fermi dalle 10.45 alle 12.30, tra le stazioni di Genova Nervi e Santa Margherita. Durante l’interruzione, però, la mobilità sarà garantita con un servizio sostitutivo di autobus, tra Genova Brignole e Chiavari e viceversa, che percorrerà l’autostrada senza effettuare fermate intermedie. Una volta disinnescata dalla brigata Taurinense, questa volta la bomba sarebbe dovuta partire per la Valvarenna, per essere fatta brillare all’interno di una cava. Ma dopo il secco rifiuto del Municipio Ponente, che ha destato non poche polemiche e l’indignazione del sindaco di Recco, Dario Capurro, l’ordigno, anche domenica, si dirigerà alla volta di Pallare, in Val Bormida.