Bomba Recco, Capurro ringrazia Pallare: “Cortesi e disponibili, al contrario di altri..” - Genova 24
Cronaca

Bomba Recco, Capurro ringrazia Pallare: “Cortesi e disponibili, al contrario di altri..”

16012011 bomba

Recco. “Una mano lava l’altra e due si lavano al faccia”. Ha commentato così il sindaco di Recco, Dario Capurro, la telefonata con il sindaco di Pallare, Sergio Colombo, dopo che il comune savonese in Val Bormida è stato indicato in seconda istanza dalla Prefettura come luogo idoneo dove far brillare, per la seconda volta, la bomba di Recco, a seguito delll’indisponibilità della Val Varenna, nel pegliese.

Ancora indignato per il secco rifiuto del Municipio del Ponente, Capurro non lascia correre: “Il sindaco di Pallare è stato cortese e disponibile, come si deve fare tra amministrazioni. Ovviamente non ha sprizzato gioia all’idea di ricevere un altro ordigno e riprendere le procedure di sicurezza, ma si trattava di un’emergenza. Rappresentiamo tutti i cittadini allo stesso modo – rincara Capurro – indipendentemente dal colore politico. Io ad esempio ho rapporti cordiali con tutti i sindaci vicini, pur avendo tutti appartenenze diverse. La regola vorrebbe che in caso di necessità ci si sostenga reciprocamente, perchè come dice il proverbio, una mano lava l’altra e tutte e due lavano la faccia. Invece, anche questa volta – conclude il primo cittadino – non ho mai ricevuto una telefonata da nessuno, come del resto era già successo l’8 settembre quando per mandare i nostri vigili del fuoco a sedare l’incendio di Genova, Recco dovette rinunciare alla festa patronale”.

L’evacuazione di Recco si svolgerà quindi domenica 20 febbraio, riguarderà quasi 5 mila abitanti e un’area di circa 400 metri. Inizierà alle 7 e finirà entro le 9. Da quell’ora strade, ferrovia e casello autostradale in direzione Recco saranno bloccati, fino alle 10 si proseguirà con i controlli, e dalle 10.30 inizieranno le operazioni di competenza dei militari. Poi l’ordigno sarà trasportato a Pallare e fatto brillare.