Aeroporto, la Camera del Lavoro agli Enti locali: “Non lasciate l’area in mano ai privati”

Aeroporto Colombo

Genova. “Condividiamo e sosteniamo l’iniziativa dei lavoratori dell’aeroporto e delle categorie dei trasporti di Cgil, Cisl e Uil”. Lo rende noto la Camera del Lavoro di Genova in un comunicato stampa in merito alla volontà dell’Autorità Portuale di dismettere le proprie quote della Società Aeroporto di Genova.

“Abbiamo già avuto modo di segnalare pubblicamente la nostra posizione in merito. – si legge nella nota – Se il Comitato Portuale del 14 approverà tale proposta, ci troveremmo nella nostra città ad avere, se non l’unico, uno dei rari scali italiani dove le Istituzioni locali non sono presenti nell’azionariato. E, considerato la funzione che una struttura del genere ha per il territorio, riteniamo che questo sia un errore strategico”.

“Si tratta di un’area – spiega la Segreteria della Camera del Lavoro Metropolitana – che, stante i numerosi progetti che periodicamente vengono prodotti, potrà essere soggetta nei prossimi anni a trasformazioni e diventare possibile sede di servizi per la città. Il tutto senza considerare che una struttura del genere rappresenta per il ruolo strategico, per l’integrazione con altri sistemi di trasporto, l’opportunità di essere uno dei perni su cui puntare per la ripresa dell’economia di Genova”.

“Possono gli Enti Locali far finta di niente? Possono pensare di lasciare soltanto nelle mani di qualche privato la disponibilità di quest’area strategica per il futuro della nostra città? Siamo perciò d’accordo – si legge in conclusione – nel chiedere ad Autorità Portuale di sospendere questa procedura e agli Enti Locali di rivedere l’incomprensibile posizione di sostegno a questa scelta e intervenire invece con acquisizione di quote della società”.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.