Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Tunnel Rapallo-Fontanabuona, Mondello (Udc): “Vincolarlo alla Gronda rischia di allungare i tempi”

Levante. L’onorevole Gabriella Mondello (Udc) commenta positivamente i risultati conseguiti dalla giunta regionale guidata Claudio Burlando che, durante l’incontro svoltosi martedì scorso presso il ministro delle Infrastrutture a Roma, è riuscita ad ottenere la redazione del progetto preliminare avanzato che sarà cofinanziato da Regione e Anas.

“”Pur essendo la Gronda di Levante un’opera indispensabile per il Tigullio – spiega Mondello – credo che legare le sorti del tunnel Rapallo-Fontanabuona alla Gronda finisca per ritardarne la sua esecuzione””.

“Durante l’incontro con il ministro Matteoli, Burlando ha parlato della realizzazione di un’opera “frugale” al fine di limitarne i costi. Tracciato in gallerie ad una sola canna con una velocità massima prevista di 60 chilometri all’ora – dice – Caratteristiche che potrebbero non essere compatibili con quelle della Gronda, se le due opere dovessero procedere di pari passo”.

““Da sempre –- continua Mondello –-  anche quando militavo nel Pdl, sono stata favorevole al traforo, nonostante le perplessità di molti colleghi del mio stesso partito, ho condiviso e condivido la necessità di limitare i costi attraverso un progetto che preveda una sola canna”. La vera differenza tra il traforo della Fontanabuona, e altri interventi necessari previsti nel Tigullio, vedi il tunnel Rapallo-Santa Margherita e il prolungamento di viale Kasman con relativa difesa spondale del fiume Entella, è rappresentata dalla completa condivisione dell’intervento da parte di tutti i Comuni ed enti locali interessati”.

“”Tunnel e Gronda sono entrambi indispensabili per lo sviluppo del Tigullio e del suo entroterra – conclude la Mondello – possono essere sicuramente sinergici – conclude – ma vincolare la realizzazione del traforo alla Gronda rischia solo di allungare le legittime aspettativa di quanti sulla costa e soprattutto nell’entroterra aspettano da decenni che venga realizzata l’importante infrastruttura””.