Trasferimento Voltri-Evangelico: rotte le trattative in Regione, Fials pronta allo sciopero

Genova. Si indurisce il braccio di ferro tra sindacati e Regione per il trasferimento dell’ospedale di Voltri all’Evangelico. La Fials, dopo l’ultimo incontro ritenuto insoddisfacente, ha deciso di proclamare un’assemblea dei lavoratori per discutere la dichiarazione di sciopero.

“L’incontro con la Regione del 18 gennaio è durato pochi minuti – scrive la Fials – Il tempo di confermare la nostra contrarietà a tutta l’operazione e ricordare all’Assessorato che dal dicembre scorso è in corso lo stato di agitazione e il preavviso di sciopero. Ci risulta che analoga posizione sia stata presa da altre organizzazioni sindacali”.

“La Regione non ha mostrato alcuna intenzione di retrocedere dalla sua posizione: cessione di ramo d’azienda e obblico per i lavoratori di Voltri di transitare all’Evangelico. Un pericoloso salto nel buio senza alcuna garanzia e senza canali di uscita per chi non vuole passare con il nuovo ente ‘privato – convenzionato’. Noi restiamo fermi nell’intenzione di procedere alla dichiarazione di sciopero considerando che la controparte ha dimostrato ampiamente le sue intenzione. La cessione dell’ospedale di Voltri, lavoratori compresi, potrebbe essere attivata in qualsiasi momento con un semplice atto amministrativo della giunta regionale. Convochiamo per lunedì 24 gennaio alle 14 un’assemblea dei lavoratori. Ordine del giorno: dichiarazione di sciopero”.