Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

S.Stefano d’Aveto: è morto Marco Corvisiero, il maestro di sci sepolto tre ore sotto la neve

S.Stefano d’Aveto. È stato identificato l’escursionista sepolto sotto una valanga  tra prato Cipolla ed il Monte Bue nella Val D’Aveto. Si chiama Marco Corvisiero, ed è un maestro di sci di 30 anni di Santo Stefano d’Aveto.

L’uomo, rimasto per quasi tre ore sotto due metri e mezzo di neve,  è morto mentre i soccorritori lo trasportavano verso una ambulanza pronta per partire dalla località di montagna verso Genova.

Secondo quanto appreso, dopo l’incidente è stato trasportato fino al centro del paese dal gatto delle nevi e caricato sull’ambulanza della Tigullio Soccorso diretto al pronto soccorso dell’ ospedale San Martino a Genova.

Gli uomini del soccorso alpino avevano ritrovato il ferito nei pressi di un canalone accanto ad alcuni alberi. Per il ritrovamento dell’uomo, è stato determinante l’utilizzo delle sonde. Il maestro di sci era molto conosciuto nella zona della Val d’Aveto. Corvisiero, infatti faceva parte dello storico Sci Club di Santo Stefano d’Aveto.

Nel suo ultimo post su Facebook, l’uomo aveva postato un link informando come proprio tra le giornate di ieri ed oggi sarebbero stati aperti gli impianti tra la zona di Monte Bue e Prato Cipolla.

Sul posto hanno operato circa 40 tecnici del soccorso alpino della XXXI delegazione levante ligure con il 118 di Lavagna e circa 15 uomini del soccorso alpino emiliano e i carabinieri.

Durante le operazioni di soccorso si sono registrati anche problemi per l’elicottero Drago dei vigili del fuoco di Genova, costretto a un atterraggio di emergenza sulla neve a Santo Stefano D’Aveto.

Per fortuna non ci sono state altre conseguenze. La notizia è resa nota dal comando ligure che ha spiegato come gli uomini stiano ora cercando di fare ripartire il velivolo. L’elicottero stava cercando di atterrare per soccorrere l’escursionista rimasto sepolto da una valanga. A causa delle avverse condizioni meteo, il velivolo ha urtato con le pale le fronde di alcuni alberi.

Il pilota è riuscito ad eseguire un atterraggio di emergenza su un campo innevato.