Quantcast
Cronaca

Omicidi a Genova, procura annuncia vertice tra magistrati e psichiatri

Genova. I recenti casi di violenza avvenuti in città hanno causato nel giro di pochi giorni cinque morti. L’ultimo è l’omicidio avvenuto ieri mattina a Pegli: Ivano Damiani Paganetto, 37 anni, in un delirio provocato da una grave psicosi schizofrenica che curava da 17 anni, ha ucciso con quindici coltellate il patrigno, ferendo la madre e cercando poi di suicidarsi. Secondo le ricostruzioni degli investigatori, Paganetto avrebbe rifiutato le medicine perché temeva di essere avvelenato. Domenica, invece, un pensionato ha ucciso a Molassana due amici e la moglie prima di togliersi la vita, al culmine di un delirio di follia.

A seguito di questi drammatici eventi, la procura ha annunciato un vertice tra magistrati e responsabili di psichiatria per capire se è possibile migliorare la prevenzione nei casi in cui sono coinvolte persone con malattie mentali. Lo ha deciso il procuratore capo reggente di Genova, Vincenzo Scolastico.

L’incontro servirà a capire se i medici possano intervenire con il trattamento sanitario obbligatorio anche per un breve periodo, necessario a somministrare le cure.