Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Liguria, delegazione radicale in visita ai carceri: “Marassi sotto la media”

Genova. Una delegazione radicale, guidata da Rita Bernardini, componente della Commissione Giustizia della Camera dei Deputati, sta visitando in questo fine settimana tutte le strutture penitenziarie liguri. Scopo della visita è quello di redigere un quadro completo sulla realtà carceraria ligure anche a seguito di un anno, il 2010, che ha visto tra i detenuti in Liguria 2 suicidi, 30 tentativi di suicidio, 230 atti di autolesionismo,165 persone coinvolte in iniziative dimostrative come gli scioperi della fame e 26 aggressioni a danno degli agenti di polizia penitenziaria.

Il “tour” è partito ieri dalla casa circondariale di Marassi. “In questo carcere non esiste un regolamento interno per disciplinare i diritti e la vita dei detenuti”. Ha denunciato la deputata radicale, annunciando la presentazione di una interrogazione parlamentare in materia. Nel mirino dei radicali anche il sovraffollamento (733 detenuti su una capienza massima di 456) e la mancanza di organico da parte della polizia penitenziaria: gli agenti in servizio sono 160. Solo 60 detenuti, infine, lavorano, gli altri 673 restano in cella per 19 ore al giorno. La deputata radicale ha inoltre denunciato “Il grave problema degli infermieri, che lamentano stipendi tagliati del 10%, e la mancanza d’igiene, con il 25% dei servizi di pulizia tagliati nel 2011. Non c’é dubbio che quello di Marassi, tra i carceri italiani, sia da ritenere sotto la media”.

Ieri sono stati visitati anche i carceri di La Spezia e Chiavari, mentre oggi la delegazione radicale si sposterà a Pontedecimo per poi proseguire verso le strutture penitenziarie del ponente.