Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genova: senegalese denunciato per contraffazione, a tradirlo la tv troppo alta

Genova. Forse un film dell’orrore o un western tenuto a volume troppo alto per l’euforia della prima domenica dell’anno nuovo. E’ stato questo l’errore commesso da un senegalese di 35 anni, denunciato per il reato di contraffazione e ricettazione dalla polizia di stato di Genova ieri intorno alle ore 16.00.  Alcune grida avevano attirato l’attenzione degli agenti della volante che transitava in quel momento in vico San Cristoforo.

I poliziotti, supponendo si trattasse della solita lite famigliare, hanno suonato alla porta dell’abitazione dalla quale provenivano le urla, ma ad aprire  hanno trovato solo l’extracomunitario, già conosciuto alle forze dell’ordine per altri reati.

Gli agenti, appurato che le grida provenivano dalla televisione tenuta ad un volume troppo alto, hanno poi notato che sul tavolo della cucina era in funzione una macchina da cucire che stava impunturando lo stemma di una famosa marca su di una maglia di lana.

Esaminato più attentamente lo strumento, gli operatori hanno trovato inserita una pen drive nella quale erano memorizzati altre etichette di marchi famosi. Durante la perquisizione domiciliare i poliziotti hanno rinvenuto un mazzo di chiavi che davano accesso ad un appartamento dello stesso stabile, dove era custodita molta merce contraffatta, una macchina da cucire e due cataloghi di capi d’abbigliamento. Tradito dalla sua televisione, lo straniero è stato poi scortato alla centrale di polizia.