Quantcast
Politica

Genova, comunali 2012: Musso ci riprova, in corsa per la poltrona di sindaco

Genova. Lista civica, un programma studiato con la città e molta comunicazione. Gli ingredienti per correre alla poltrona di Sindaco nel 2012 sono pronti: il nuovo candidato anche. E’il senatore Enrico Musso, fresco di abbandono dal Pdl nazionale, passato al gruppo misto sia in comune (da tempo), sia in Senato. Rotti gli indugi e le alleanze scomode, il professore in un’intervista al Corriere Mercantile ha dichiarato di voler correre da solo con il sostegno di una lista civica, e con candidati che provengono dal mondo politico ma non solo.

“L’appartenenza ad un partito non rappresenta un elemento di esclusione – afferma Musso – ma, in base a come stanno andando le cose e alle persone che mi stanno contattando, direi che tendenzialmente sarà una lista al di fuori dei partiti. Può darsi che qualche forza politica ci sostenga, e francamente me lo auguro, ma io sarò un candidato della città e non dei partiti”. Ma per sfidare Marta Vincenzi, o chi per lei nelle amministrative del 2012, serve un programma di seria “opposizione”: “Ci sto già lavorando, vorrei che fosse pronto un anno prima delle elezioni, per evitare che sia solo un programma elettorale fatto all’ultimo minuto e anche perché vogliamo confrontarci con la città. Quella che presenteremo sarà una bozza programmatica che potrà essere arricchita”. Parole chiave usate da Musso: innovazione, trasparenza e tecnologia per un “Comune più leggero, veloce e con una regia più forte”. Abbandonate destra e sinistra, alle cui classi dirigenti Musso non disdegna frecciate, potrebbe essere appoggiato da Fli, o dal nascente terzo Polo? Il senatore non si sbilancia: “Fra un anno e mezzo potrebbe essere cambiato tutto, sono ragionamenti oziosi”.